REALLY SMART

Of this sad period, there are activities that blend business with leisure, called in the jargon Bleisure, it is a new but very widespread term. Among the madness and alternatives of this last working period, there are other solutions with more free time, an idea that offers smartworkers free stays in farms all over Italy. Of course not everyone can take advantage of these initiatives, but for those who have the opportunity, it would certainly not be bad.

NEW FLOURS

One of the new avenues of the future in the gastronomic sector is the creation of new sustainable and nutritious ingredients from spontaneous fermentation. From fruit waste, the attention of scientific research with experimentation on dough and leavening, which has seen researchers specialized in fermentation processes in the food sector directly from the University of Bolzano. A particular first flour is that deriving from apple scraps that manages to be perfectly mixed with the flour to prepare bread.
All this is just the beginning and represents an innovation that could open new frontiers in the fight against waste.

E-FOOD

In 2020, e-commerce in Italy would have grown by 26%. The food sector recorded the most important increase. This has saved, thanks to online sales, many small shops that were in danger of closing. Last year saw the exponential development for e-commerce in the food sector, also offering typical agricultural products and various gastronomic rarities, and all, from shopkeepers who have reinvented themselves to be able to survive in their small provincial shops. Luckily a success.

700 YEARS

Today was the national holiday to celebrate the seven hundred years since Dante’s death, many initiatives organized in the peninsula, meetings, author readings and virtual walks. There have been many events in the capital for the program that will last until the summer. It is called “Review of the Stars” and involves municipalities and regional places between museums and villages. Dante’s House in the heart of Trastevere and also involved the Castle of Santa Severa, the Ville Tuscolane and the archaeological park of Ostia Antica. The Colosseum cannot be missed, theater of readings of Dante’s triplets that narrate the crucial events of the city.

MAGICAL SEASON

And also this year spring has arrived. In fact, last Saturday the equinox of this magical season, full of colors of all blooms, began. But what exactly happens? The spring equinox is a particular moment in the phase of the earth’s revolution around the sun, in fact that day the sun’s rays fall perpendicular to the rotation axis of our paneta and from that moment the days begin to be longer than the night. At this point we just have to wait for the long-awaited summer.

THE NEW WAY

There is a great desire to go on a journey in each of us, after a year full of lokdowns. Of course, we will travel differently than before, that’s for sure, there will be no more groups on holiday and we will reach closer destinations. When we prepare the next suitcase it will be exciting. In the meantime we imagine and dream of new uncontaminated places to discover. Remember that the report released a year ago by the United Nations tourism agency wrote that 2020 would be a more than profitable year for the sector. Better not to do more polls, but surely we will leave.

WOMEN’S DAY

Maybe not everyone knows that in Italy the Women’s Day began to be celebrated in 1922, but only in 1946 did all of Italy remember the Women’s Day and the mimosa was chosen as a symbol, which blooms in the first days of March. In the following years, the anniversary has become an occasion and a symbolic moment to claim women’s rights. So to our editorial staff a wish on this day dedicated to all women in the world.

TRIBUTE

The new commemorative coins of the 2021 Numismatic Collection minted by the State Mint pay tribute to the culture and culinary tradition of Emilia Romagna and Sicily, a collection of 15 subjects inspired by history, art, sport, science, nature and food and wine excellence. A tribute to the health professions could not be missing so in the center of the coin there is a man and a woman in health clothing, while at the top an inscription “THANK YOU” with the profile of a heart.

SFOGLIABILI ONLINE

Uno strumento di grande utilità per indagare legami e incontri rivolto ai professionisti del settore, ma anche ai semplici curiosi interessati a scoprire, ad esempio, se i propri avi avessero visitato la Casa Artistica di via Gesù. Sul sito web del Museo Bagatti Valsecchi è ora possibile scoprire gli ospiti che dal 1886 al 1975 visitarono la Casa Artistica di via Gesù a Milano. Fino dalla sua creazione, infatti, la casa accolse storici dell’arte, collezionisti o semplici curiosi attratti dall’ambizioso progetto dei due fratelli di dare vita a una dimora neo-rinascimentale nel cuore della Milano a cavallo del XX secolo. Le oltre 10.000 firme, trascritte in un lavoro lungo tre anni, disegnano la ricchissima trama di relazioni al centro della quale si colloca casa Bagatti Valsecchi e delineano attorno ad essa un panorama vasto e articolato, offrendo un punto di vista tanto particolare quanto avvincente su quasi novant’anni di vita cittadina.

“Materiali come i libri degli ospiti non sono così comuni; proprio la loro importanza ha fatto sì che il museo sentisse in maniera forte il desiderio di condividerli non solo con gli studiosi e i ricercatori, ma anche con gli appassionati e i semplici curiosi. L’intento è stato innanzitutto quello di rendere accessibili strumenti di studio e di ricerca in maniera libera e senza alcuna restrizione, cioè nello spirito di condivisione che deve appunto animare la ricerca e lo studio. La digitalizzazione, da questo punto di vista, è chiaramente una risorsa insostituibile. Un progetto come questo si presta, quindi, alla costituzione di reti, di dialoghi e di nessi. E proprio la capacità di creare intersezioni e intrecci sarà in futuro indice della vitalità di questo lavoro” commenta Lucia Pini, conservatore del Museo e curatrice del progetto.

Grazie al progetto, infatti, si passa in rassegna una variegata successione di personaggi che nell’arco dei decenni ha continuato a varcare la soglia di casa Bagatti Valsecchi tenendola sempre viva e rendendola scenario della Storia: da Camillo Boito ad Antonio Cederna, da Fogazzaro a Maria Callas, passando dalle infermiere volontarie della Prima Guerra mondiale. Non mancano le famiglie amiche – tra gli altri i Borromeo, i Grandi, gli Amman – cui si affiancano nomi importanti dell’aristocrazia italiana ed europea: la regina Margherita di Savoia, Vittoria regina di Prussia e imperatrice di Germania… Anche il jet set internazionale fa la sua comparsa: nel 1887 è la volta dell’irresistibile Annina Morosini, celebrata da Gabriele d’Annunzio come la donna più bella d’Italia, nel 1912 Maurice de Rothschild rampollo ribelle della ricchissima famiglia di finanzieri. Non stupisce trovare molto rappresentato – e ad alto livello – il mondo del collezionismo: tra gli altri Frederick Stibbert, creatore dell’omonima casa museo fiorentina o il conte Grigorij Stroganoff, la cui ricchissima raccolta si trovava allestita sino al 1910 nel palazzo romano di via Sistina. Molto nutrita è anche la rappresentanza degli studiosi d’arte, dove compaiono, tra gli altri, i nomi di Giovanni Morelli, Bernard Berenson, Wilhelm von Bode, Adolfo Venturi.

Il progetto è un lavoro in progress: a tutti è rivolto l’invito a collaborare aiutando a decifrare le firme di incerta lettura o non decriptate, a segnalare eventuali errori o a fornire notizie sui personaggi che hanno lasciato la propria firma sui libri degli ospiti Bagatti Valsecchi per arricchire ulteriormente il database.

Convinto del valore di tale patrimonio, già nel 2018 il Museo aveva realizzato una piccola installazione digitale dando vita, attraverso brevi video (ora disponibili gratuitamente online), a 11 personaggi ospiti della Casa, raccontando le loro vite e i motivi che li legavano ai Bagatti Valsecchi; oggi a chiunque è data la possibilità di interrogare il database e sfogliare (digitalmente) i tre grandi volumi.

IMMORTAL ART

Un progetto unico nel suo genere sta per cambiare il modo di concepire l’Arte all’interno di un contesto urbano, e lo farà dalla Sicilia alla Cina, esaltando la bellezza. Il progetto prevede innanzitutto, l’installazione di mattonelle in terracotta, dipinte da artisti provenienti da tutto il mondo, nel piccolo borgo di Merì (Me). Non ci saranno più targhe sui muri ad indicare le vie e le piazze della città, ma sessanta opere che la trasformeranno in un museo eterno a cielo aperto. Ogni artista diventerà testimonial di una via della città, e avrà il dono dell’immortalità, perché il suo nome ricorderà una via o una piazza. Un forte campo energetico positivo fatto di arte allo stato puro, dalla Sicilia alla Cina e presto in altri paesi del mondo. Attraverso un approccio multi culturale si darà alle città non solo un aspetto nuovo, rilanciandone l’immagine territoriale a livello estetico, ma un diverso respiro dal punto di vista culturale, con risvolti economici e sociali e con attenzione agli aspetti ambientali. La posa della prima opera sarà accompagnata dal canto di un Ave Maria del soprano Ekaterina Adamova“ Sessanta artisti internazionali per un rivoluzionario progetto artistico destinato a rilanciare il piccolo comune di Merì a “capitale” dell’arte. Un progetto che sarà realizzato anche in Cina con lo stesso team di artisti: una pattuglia diventata esercito, che armato di pennelli trasformerà in realtà il “sogno” degli amministratori di queste città. Il Sindaco Filippo Bonansinga, l’assessore alla cultura Carmelo Arcoraci, supportati dal Patrocinio della Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana, insieme al pittore Lorenzo Chinnici ed il figlio Francesco Chinnici a fare da trait union con gli artisti di tutto il mondo, Emma XingYi Wang partner per il progetto Cinese. “Un museo a cielo aperto ma anche una vera e propria rigenerazione urbana attraverso l’arte – un modello di rinascita culturale grazie ad un progetto di riqualificazione che può contare su centinaia di artisti internazionali”. Con la donazione delle opere degli artisti realizzate su mattonelle in terracotta, la città decorerà vie e piazze creando un percorso culturale, una mostra senza tempo, che farà sì che il nome e l’opera dell’artista siano conservati, preservati ed esposti per sempre nelle vie e piazze della città, epicentro di micro monumenti dedicati agli artisti. Progetti simili a quello di Merì avverranno in Cina, con lo stesso gruppo di artisti. Sino-Italy Ningbo Ecological Park, insieme a Sino-Italy Tus-Investment (Zhejiang) Co.Ltd., Huangshan City, TsungDao Lee Center of Sciences and Arts of the University of Chinese Academy of Sciences sono tra il primo gruppo di organizzazioni che hanno forti interessi per ospitare questo progetto. Grazie all’intermediazione di Emma XingYi Wang, presidente della G&Y Cultural Exchange Association di Shanghai e Firenze. A Kiev si preparano per ospitare questo progetto integrato a dei progetti Culturali per la Città.