INFERMIERE DAY

“Ringrazio le infermiere e gli infermieri per tutto il lavoro che svolgono, con cura e competenza, da oltre un anno, sempre in prima linea, sia nei reparti ospedalieri che ora negli hub vaccinali”.

Lo ha detto il presidente della Attilio Fontana in occasione della Giornata internazionale dell’infermiere uscendo dall’Hub vaccinale del Palazzo delle Scintille dove ha voluto salutare le infermiere del Policlinico di Milano che prestano servizio in questo hub vaccinale.

“All’uscita di ogni Hub – ha aggiunto il governatore – le persone mi fermano per complimentarsi sia per le strutture che per la cortesia e l’attenzione ricevuta dal personale sanitario”.

“Un ringraziamento che ieri abbiamo anche voluto esprimere concretamente – ha concluso – attraverso una delibera che riconosce un contributo economico per l’impegno straordinario che Infermieri e Operatori socio-sanitari stanno garantendo negli Hub per far ‘correre’ la campagna vaccinale”.

POLENTA E PANETTONE

Panettone e Polenta lombarda protagonisti del protocollo d’intesa siglato dall’Assessorato all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia e l’Associazione Maestro Martino dello chef Carlo
Cracco. Lo hanno firmato lo chef Cracco e l’assessore regionale Fabio Rolfi.

“Due prodotti simbolo della tradizione lombarda – ha dichiarato Rolfi – diventano centrali nella formazione dei nostri chef e nella comunicazione dell’eccellenza gastronomica che la nostra regione può vantare”.

“Ringrazio l’associazione Maestro Martino – ha proseguito – per aver promosso questa iniziativa e per tutto il lavoro che svolge nel quotidiano per la valorizzazione delle filiere agroalimentari locali. Non è solo importante la qualità delle materie prime, è fondamentale anche avere degli artisti della cucina che sappiano valorizzarle nel modo migliore e che possano essere ambasciatori della Lombardia, in Italia e nel mondo”.

L’associazione Maestro Martino collabora con Regione Lombardia sin dalla sua nascita con l’obiettivo di valorizzare la Cucina
italiana esaltando le eccellenze, le tipicità e le tradizioni enogastronomiche della Lombardia in un più ampio
contesto storico-culturale.

In questo ambito si inserisce l’accordo firmato oggi e che ha come protagonisti due prodotti simbolo della tradizione gastronomica lombarda.

Le attività sono volte anche a stimolare il rilancio e la riqualificazione della ristorazione lombarda in una logica di ripresa post emergenza sanitaria Covid-19 e alla formazione di una nuova generazione di cuochi e personale di sala più consapevole rispetto alla ricchezza enogastronomica della regione e alle nuove tecnologie e sfide che la ristorazione moderna deve affrontare.

“Polenta e panettone – ha chiosato l’assessore Rolfi – da secoli fanno parte della nostra società e della nostra quotidianità e rappresentano l’anello di congiunzione tra passato e futuro della cucina lombarda”.

“Polenta e panettone sembrerebbero due cose completamente opposte – ha sottolineato lo chef Cracco – ma in realtà rappresentano un po’ il nostro territorio, la tanto amata Lombardia. La nostra iniziativa da un lato valorizza un prodotto povero e semplice come la polenta, che può evolversi e diventare un grande piatto e, dall’altra parte, propone una ricetta importantissima, un lievitato, complicato, arricchito, che può diventare protagonista in cucina”.

“L’intesa siglata oggi ha anche un forte valore simbolico perché coincide con la ripresa di un settore fortemente penalizzato dall’epidemia: la ristorazione. Servono giovani volonterosi e appassionati – ha sottolineato Cracco – perché registriamo una preoccupante carenza di personale in cucina e in sala. Con la nostra scuola di cucina e il sostegno di Regione Lombardia vogliamo avvicinare ragazze e aspiranti chef per esaltare le loro vocazioni e scoprire nuovi talenti”.

La partnership prevede anche la realizzazione di interventi di educazione alimentare e sensoriale rivolti alle scuole ed in particolare agli Istituti turistici ed alberghieri allo scopo di far conoscere a studenti e docenti le produzioni locali di qualità (organolettica, ambientale e sociale) e diffondere un corretto approccio al cibo ed alle tematiche ad esso legate.

Già per il 2021 sono previsti workshop ed eventi dedicati a polenta e panettone che si svolgeranno nei mesi di ottobre e novembre.

DOPPIAW ULTRA

Sono 160 gli atleti provenienti da 12 nazioni che il prossimo 12 giugno scaleranno 5.120 metri di dislivello, correndo per 70 km, nella prova più impegnativa delle quattro previste nella ‘DoppiaW Ultra’ 2021, evento internazionale di corsa di montagna in programma tra le montagne della Valtellina e della Valposchiavo (Confederazione Elvetica). Alla presentazione della manifestazione, avvenuta a Palazzo Lombardia, hanno presenziato Massimo Sertori, assessore regionale con delega a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni e Antonio Rossi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi.

Presenti, all’evento, anche il sindaco di Villa di Tirano, Franco Marantelli e gli organizzatori della gara: Elena Soltoggio, Christian Bellesini. “Con la ‘DoppiaW Ultra’ riprendono gli eventi di grande sport in Valtellina”, hanno sottolineato Sertori e Rossi. “La gara che promette di essere avvincente, accende i riflettori degli appassionati di sport sullo splendore della Valtellina. Le nostre montagne sono pronte a mostrarsi al mondo nella propria bellezza, i nostri territori sono pronti ad accogliere atleti e turisti per svelare i loro borghi storici di fascino e i mille sentieri”.

“Il programma della manifestazione – ha evidenziato Sertori – prevede due gare agonistiche, una corsa non competitiva e una camminata aperta a tutti. Un’offerta variegata che fa della Ultra Trail Running un veicolo di promozione del territorio. Di una parte della Lombardia che vanta caratteristiche ineguagliabili. È un progetto – ha aggiunto – che sposa perfettamente i valori della Valtellina. Tutta l’area è già pronta a scaldare i motori in vista delle Olimpiadi del 2026, una eccezionale vetrina che metterà al centro del mondo il nostro straordinario patrimonio paesaggistico, e la Ultra W è solo uno dei tanti eventi di sport internazionale che ne esalteranno le bellezze da qui all’accensione del braciere olimpico”.

“Dopo lo stop dello scorso anno dovuto alla pandemia, la ‘DoppiaW Ultra’ – sottolinea Antonio Rossi, sottosegretario regionale a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi – torna protagonista nel calendario internazionale della corsa di montagna. Oltre a rinnovarne il percorso, gli organizzatori hanno deciso di affiancare alle due prove di 70 e 30 km, selettive per l’Umtb, anche un tracciato non competitivo di 16 km e una camminata di 11 km, aperta a tutti. Con queste quattro opzioni di dislivello variabile dai 200 ai 5.120 metri, la nuova edizione promette di essere un appuntamento di forte appeal oltre che per gli amanti della specialità professionisti e amatoriali anche per i corridori occasionali. Un gioioso momento di spensieratezza per migliaia di persone che segna anche la ripartenza del turismo sportivo di montagna nel segno delle bellezze della Valtellina”.

Il tracciato più lungo della gara misura partirà dal Parco dell’Adda di Lovero (SO) per terminare presso il polifunzionale di Villa di Tirano (SO), attraversando una meravigliosa rete di sentieri. Sette i Comuni coinvolti (Villa di Tirano, Tirano, Sernio, Vervio, Lovero, Grosotto e Grosio). Confermati alcuni dei passaggi più spettacolari che hanno entusiasmato i partecipanti negli scorsi anni: Rifugio Schiazzera, Passo Portone, San Romerio, Passo Malghera, Rifugio Malghera. “È davvero – ha chiosato Sertori – un appuntamento per tutti, di grande bellezza e da non perdere. Anche io farò la camminata di 11 chilometri con mia moglie e come noi ci saranno il sottosegretario Rossi con sua moglie e il sindaco di Villa di Tirano, Marantelli. Speriamo che la gente accorra numerosa per una giornata di sport e natura all’insegna della montagna”.

MOMENTO SIMBOLICO

“Un momento simbolico e, spero, di buon auspicio per il mondo della cultura e dello spettacolo. Cultura e spettacolo, insieme al turismo, saranno decisivi per l’attrattività della Lombardia e di tutto il sistema Italia”. Lo scrive sulla sua pagina Facebook, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ricordando che “questa sera, dopo 199 lunghi giorni di chiusura, a Milano, riapre il Teatro alla Scala con il pubblico in presenza”.

“Serviranno risorse e una strategia vincente – prosegue il governatore – per recuperare il terreno perduto a causa delle restrizioni, per attrarre visitatori dall’estero, ma anche per far ritrovare e spesso far scoprire ai nostri giovani il valore della cultura”.

“Quello di stasera, dunque – conclude Attilio Fontana – è un prestigioso punto di partenza, con il Teatro alla Scala che si conferma ambasciatore vincente e ineguagliabile della Lombardia e del nostro Paese nel mondo intero”.

TURISMO BIT DIGITAL

Far diventare la Lombardia la prima destinazione italiana per il wedding. Questo l’obiettivo dichiarato dall’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia, Lara Magoni, alla vigilia dell’inaugurazione della ‘Bit Digital Edition 2021’, la Borsa Internazionale del Turismo. L’assessore lancia così una delle proposte più importanti per far ripartire il turismo in Lombardia.

“La bellezza delle location, unita alla creatività e alla professionalità degli operatori – spiega l’assessore regionale – è in grado di dare un notevole impulso a delle filiere trasversali, sviluppando ulteriormente un comparto che ha un notevole potenziale”.

Un mercato, quello dei matrimoni e degli eventi privati, che, dati Federmep (Federazione matrimoni ed eventi privati), in Lombardia dà lavoro a 10.000 aziende, con un fatturato di oltre 5 miliardi. Un indotto che coinvolge catering, location, wedding planner, musicisti, fioristi e tante altre professionalità.

“Numeri importanti, che dimostrano come la Lombardia, grazie a luoghi e paesaggi incantati, abbia la capacità di generare quella ‘alchimia emozionale’ – sottolinea Magoni – per atmosfere indimenticabili, ideali per celebrare dei momenti da ricordare per sempre. A tal proposito stiamo predisponendo una serie di percorsi dedicati alla valorizzazione del prodotto turistico ‘wedding ed eventi’. La cura del particolare e l’attenzione ai dettagli dei nostri professionisti saranno le armi vincenti per promuovere una filiera che coinvolge numerose professionalità. Gli ospiti di tali celebrazioni possono diventare, poi, dei turisti in grado di apprezzare le bellezze della nostra Lombardia. Eventi privati e matrimoni, dunque, come attrattori turistici per la nostra Lombardia”.

Wedding ed eventi privati fanno parte della variegata e ricca proposta turistica che la Lombardia presenterà alla ‘Bit – Digital Edition’, che quest’anno dedica tre giorni agli operatori (dal 9 all’11 maggio) e altri tre giorni al pubblico dei viaggiatori (dal 12 al 14 maggio).

Regione Lombardia ospiterà, all’interno del proprio spazio virtuale, ben 72 operatori. Tra questi, 52 seller illustreranno la propria offerta ai buyer internazionali e 20 stakeholder territoriali promuoveranno le eccellenze delle singole destinazioni.

La Lombardia si presenterà con la sua offerta turistica integrata: una destinazione a 360 gradi in grado di valorizzare le peculiarità dei singoli territori. Dalla montagna ai laghi, dalle città d’arte ai borghi senza tempo, dalle attività all’aria aperta al relax alle terme: un territorio di eccellenze capace di soddisfare qualsiasi esigenza di viaggio.
Expo Plaza, la vetrina virtuale di ‘Bit Digital Edition 2021’, ospiterà contenuti, immagini e video sulle principali bellezze dei territori. Il fil rouge sarà la campagna ‘Vorrei la vedessi come me. Ogni giorno’, che racconta la Lombardia di chi la vive ogni giorno: ambassador della destinazione che, vivendo quotidianamente il territorio in prima persona, sanno cogliere lo straordinario nell’ordinario.

La piattaforma digitale consentirà, inoltre, di gestire un’agenda per pianificare gli appuntamenti con i buyer internazionali, nonché una chat evoluta per dialogare con gli operatori del settore, nelle giornate b2b, o con i viaggiatori, nelle giornate dedicate al b2c.

Regione Lombardia parteciperà anche a uno dei principali ‘Bit Talk’. Lara Magoni sarà, infatti, tra i protagonisti dell’evento dedicato al tema ‘Destinazione Italia: la scommessa 2021’, in programma il 9 maggio.

RALLY 4 REGIONI

Con il patronato di Regione Lombardia si correrà quest’anno il 50° ‘Rally delle 4 Regioni’, una delle competizioni rallistiche più apprezzate sul territorio italiano e internazionale.

Alla kermesse prenderà parte anche l’assessore regionale Fabrizio Sala, grande appassionato di rally e motori, in qualità di navigatore.

Il teatro dell’intera manifestazione, in programma dal 2 al 4 luglio, sarà Salice Terme (Pv) e le prove speciali si svolgeranno a Pozzol Groppo (Al), Rocca Susella (Pv) e Oramala (Pv), con un ritorno verso la Valle Staffora, già protagonista negli scorsi Rally Oltrepò.

Per conferire ulteriore prestigio alla competizione l’organizzatore Beniamino Lo Presti, deus ex machina del Milano Rally Show, ha innalzato il valore della manifestazione ottenendo il titolo di Rally Storico Internazionale. In questo modo, saranno garantite prove speciali più lunghe e estesa la possibilità di gareggiare a più vetture, inserendo la partecipazione anche delle auto moderne.

La fase conclusiva sarà il Master Show ‘MILAN E POEU PU’. L’appuntamento è per il 4 luglio a Milano, in città.

QUALITÀ PRODOTTI

“Con il sì al ‘Salone del Mobile’ a settembre e la ‘Milano wine week’ di ottobre Milano sarà la vetrina mondiale di due filiere d’eccellenza della Lombardia: quella del bosco legno e quella vitivinicola”.

Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi.

“La valorizzazione economica del legno – ha spiegato l’assessore Fabio Rolfi – è la chiave anche per una maggiore tutela del patrimonio forestale. In Lombardia abbiamo i migliori trasformatori di legno al mondo ed è giusto metterli nelle condizioni di poter usare materia prima locale di qualità. Per questo negli ultimi tre anni abbiamo dato una accelerazione notevole alla certificazione dei boschi lombardi, garantendo il riconoscimento internazionale di gestione sostenibile”.

“Stiamo facendo – ha continuato – un lavoro di squadra con i consorzi forestali, con le aziende lombarde del settore e con i comuni affinché si crei una vera e propria filiera bosco-legno-energia in Lombardia. Usare legno locale significa prevenire i rischi idrogeologici, limitare le emissioni e valorizzare la materia prima locale, dando occupazione alla gente di montagna”.

BIT-DIGITAL

Si apre domenica 9 maggio la nuova versione – interamente virtuale – della Bit, la Borsa Internazionale del Turismo, giunta alla quarantunesima edizione. ‘Bit – Digital Edition’ raddoppia la sua durata, dedicando tre giorni agli operatori (dal 9 all’11 maggio) e altri tre giorni al pubblico dei viaggiatori (dal 12 al 14 maggio).

Regione Lombardia ospiterà, all’interno del proprio spazio virtuale, ben 72 operatori. Ovvero 52 seller che presenteranno la propria offerta ai buyer internazionali e 20 stakeholder territoriali che promuoveranno le eccellenze delle singole destinazioni.

“La partecipazione di Regione Lombardia all’edizione digitale della Bit – spiega Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda – è un chiaro segnale di rinascita di un intero settore, falcidiato dalla crisi. Nonostante le difficoltà, tutti gli addetti del comparto turistico lombardo stanno dimostrando di essere veri e propri eroi, che guardano al futuro con ottimismo e hanno deciso di investire nelle loro attività per renderle sempre più funzionali, accoglienti e moderne. La Lombardia vuole tornare ad essere protagonista del turismo nazionale e internazionale, all’insegna dell’innovazione, della sostenibilità e dell’accessibilità”.

In una prospettiva di rilancio per il mondo del turismo, la Lombardia si presenta con la sua offerta turistica integrata: una destinazione a 360 gradi in grado di valorizzare le peculiarità dei singoli territori. Dalla montagna ai laghi, dalle città d’arte ai borghi senza tempo, dalle attività all’aria aperta al relax alle terme: un territorio di eccellenze capace di soddisfare qualsiasi esigenza di viaggio.

Expo Plaza, la vetrina virtuale di Bit Digital Edition, ospiterà contenuti, immagini e video che potranno dare un assaggio di cosa offre il territorio e invogliare a prenotare il prossimo viaggio in Lombardia. Il fil rouge sarà la campagna ‘Vorrei la vedessi come me. Ogni giorno’, che racconta una Lombardia autentica vista con gli occhi di chi la vive ogni giorno: ambassador della destinazione che, vivendo quotidianamente il territorio in prima persona, sanno cogliere lo straordinario nell’ordinario.

La piattaforma digitale consentirà, inoltre, di gestire un’agenda per pianificare gli appuntamenti con i buyer internazionali, nonché una chat evoluta per dialogare con gli operatori del settore, nelle giornate b2b, o con i viaggiatori, nelle giornate dedicate al b2c. Una fondamentale opportunità di business per tutti i co-espositori che potranno proporre la loro offerta turistica.

Regione Lombardia parteciperà anche a uno dei principali ‘Bit Talk’. Lara Magoni sarà, infatti, tra i protagonisti dell’evento dedicato al tema ‘Destinazione Italia: la scommessa 2021’, in programma il 9 maggio alle ore 14.

L’edizione digitale della Bit sarà anche l’occasione per dare visibilità alla strategia di promozione di inLombardia, che trova la sua massima espressione nel costante aggiornamento dei canali digitali del brand, il cui sito in-lombardia.it è grande protagonista perché aggregativo e capace di mettere in rete tutta la filiera del turismo della regione.

DESIGN

“La ripresa dei grandi eventi internazionali è fondamentale per il rilancio dell’economia lombarda e nazionale. In tal senso, mi auguro vivamente che un appuntamento prestigioso come il Salone del Mobile, possa tenersi nei prossimi mesi. Auspico quindi che si trovi una soluzione al più presto, in grado di dare una giusta continuità ad un evento che rappresenta il design lombardo ed italiano nel mondo”. Così Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, interviene in merito alle notizie diffuse dalla stampa, secondo cui l’edizione 2021 del ‘Salone del Mobile’ di Milano potrebbe essere annullata.

“Nonostante la pandemia – prosegue l’assessore Magoni – dobbiamo guardare al futuro con ottimismo. Per questo che è necessario ripartire dando nuovo slancio ad un settore nevralgico per la produttività del nostro Paese”.

“Il design – aggiunge Lara Magoni – è da sempre un fiore all’occhiello del Made in Italy nel mondo. La fantasia, la creatività, il genio del ‘saper fare’ tipico dei nostri designer, permette di valorizzare un settore nel quale la Lombardia da sempre eccelle. Dopo mesi difficili, con centinaia di imprese e famiglie in ginocchio a causa della crisi e della pandemia, l’organizzazione del Salone del Mobile in presenza rappresenterebbe un segnale di speranza, un vero spiraglio di luce”.

“Dobbiamo farci trovare pronti. Ecco perché – conclude l’assessore – è fondamentale l’impegno di tutti, dalle istituzioni al mondo imprenditoriale sino alle associazioni di categoria, per risollevare il settore e tornare alla normalità”.

ADAMELLO 270

L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, si è recato questa mattina in visita al campo base sul ghiacciaio del Mandrone (3050 metri sul livello del mare) dove si sta lavorando al progetto ‘Ada270’, sostenuto da Regione Lombardia in partnership con altri soggetti pubblici e privati.

Si tratta di: Fondazione Lombardia per l’ambiente (Fla), Comunità montana della Valcamonica (partner istituzionali e finanziatori del progetto), Università Bicocca, Politecnico di Milano, Land & Cogeo (partner tecnici e scientifici attuatori, coordinati da Fla), Edison, Valcamonica servizi e Acqua surgiva.

Il progetto prevede l’estrazione di una ‘carota’ di ghiaccio alla profondità di 270 metri. Servirà per effettuare analisi e misurazioni da parte del team scientifico, al fine di ricostruire gli ultimi 200-300 anni della storia climatica e ambientale dell’area alpina.

A 3000 metri risulta più complicato respirare con Dispositivi di difesa individuale (Dpi), per questo prima di salire tutti sono stati sottoposti a tampone. Ed è la ragione per cui i partecipanti sono senza mascherina.

Al sopralluogo hanno partecipato, oltre all’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, Fabrizio Piccarolo direttore di Fondazione Lombardia per l’ambiente (Fla), Roberto Laffi direttore generale Territorio e protezione civile di Regione Lombardia, Dario Fossati direttore vicario dell’Assessorato al Territorio e Protezione civile di Regione Lombardia.

“Sono impressionato da questo lavoro straordinario – afferma l’assessore Cattaneo – per la prima volta si scende a 270 metri di profondità per estrarre una carota di ghiaccio al fine di capire i cambiamenti climatici e ambientali. La Regione ha voluto sostenere questo progetto scientifico, attraverso il quale poter leggere la storia del ghiacciaio: esso rappresenta infatti un archivio in cui sono custodite polveri, aerosol, gas, resti vegetali, pollini, batteri”.

“Potremo capire – aggiunge l’assessore – come si sia modificato il clima e come la natura si sia adattata a questi cambiamenti. Un progetto mai tentato prima a queste profondità. Abbiamo già superato i 220 metri di profondità. Questo a conferma che la Lombardia sui temi ambientali, del cambiamento climatico, dello studio della biodiversità e di un modello di sviluppo sostenibile, è già oggi una regione all’avanguardia”.

“La Fondazione Lombardia per l’ambiente – commenta il direttore Fabrizio Piccarolo – è orgogliosa di coordinare scientificamente questo ambizioso progetto, che ci permette di delineare i trend climatici e ambientali degli ultimi secoli. Non solo, ci consentirà di costruire con più certezza scenari climatici futuri in base ai quali realizzare interventi efficaci per ridurre i rischi derivanti dall’innalzamento delle temperature e gli impatti del cambiamento climatico”.