AEROSPAZIO

Il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione è stato confermato vicepresidente del Board di ‘Nereus’, il Network Europeo delle
Regioni che utilizzano tecnologie spaziali.  L’elezione è avvenuta al termine dell’assemblea generale riunita oggi a Bruxelles.

“La Lombardia si conferma protagonista in Europa anche nel
settore dell’Aerospazio” ha commentato il vicepresidente di
Regione Lombardia.

CONTINUARE A SOSTENERE QUESTO AMBITO STRATEGICO – “Il nostro
impegno – ha aggiunto – è di continuare a sostenere questo
ambito strategico, da una parte creando le condizioni migliori
per lo sviluppo e la crescita delle imprese, dall’altra
sfruttando al meglio le opportunità che l’Europa ci offre anche
attraverso network come Nereus. Il Programma Spaziale Europeo
conta infatti 16 miliardi di Euro totali, lavoriamo per ampliare
le risorse regionali a disposizione del comparto”.

AEROSPAZIO DECISIVO ANCHE PER AFFRONTARE SFIDE SOCIALI GLOBALI
“Il settore spazio – ha continuato il vicepresidente della
Regione Lombardia – è una fonte continua di progresso tecnico
scientifico che investe direttamente ambiti come le
telecomunicazioni, la navigazione e l’osservazione terrestre, ma
che è decisivo anche per sviluppare nuovi sistemi per affrontare
le sfide sociali globali: il cambiamento climatico, la scarsità
di risorse, la salute, l’invecchiamento della popolazione, la
qualità della vita e la sicurezza”.

“Tra i temi più rilevanti per la Lombardia – ha sottolineato –
anche il trattamento dei Big Data di origine spaziale per cui la
collaborazione internazionale diventa fondamentale”.

NUMERI IN CRESCITA PER LOMBARDIA – Il 27 per cento dell’export
nazionale del settore aerospaziale si genera proprio in
Lombardia. Il sistema produttivo nel settore aerospazio è
composto da circa 220 imprese con più di 16.000 addetti e un
fatturato complessivo che si aggira intorno ai 6 miliardi di
euro, di cui 2,3 miliardi di euro di export.

MILLE MIGLIA

“La Mille Miglia è uno dei simboli di Brescia. Rappresenta ogni anno per la nostra città un’occasione straordinaria a livello economico, sportivo, turistico e culturale. La Regione Lombardia contribuisce in maniera
significativa ed è importante che gli Enti istituzionali
facciano quadrato intorno a una manifestazione così rilevante”.
Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione
e Sistemi Verdi, che, questa mattina, ha partecipato alla
conferenza stampa di presentazione della Mille Miglia 2019.

La competizione automobilistica, giunta quest’anno alla 37esima
edizione, partirà da Brescia il 15 maggio e arriverà il 18
maggio sempre nella città lombarda.

“La Mille Miglia crea valore alla nostra città, alla nostra
regione e all’Italia nel mondo – ha concluso -. ? tradizione, ma
anche una certezza per il futuro, così come una vetrina dei
nostri valori e dei nostri prodotti”.

ADUNATA ALPINI

“Ho provato una grande emozione, evviva gli alpini”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia dopo aver partecipato questa mattina alla cerimonia dell’Alzabandiera che ha aperto ufficialmente la 92° Adunata
Nazionale Alpini che quest’anno a Milano celebra anche il
centenario della nascita dell’Associazione Nazionale Alpini.
“Sono lieto – ha aggiunto – che un così grande evento si tenga
nella nostra Regione, consentendo a tutti durante il fine
settimana di conoscere il valore di questo glorioso Corpo”.

TUTTOFOOD

“La Lombardia e l’Italia hanno bisogno di una sola grande fiera dell’agroalimentare, per promuovere il nostro food nel mondo e per competere con realtà come la Sial di Parigi e Anuga di Colonia. Milano, con ‘Tuttofood’, deve candidarsi a questo ruolo per recuperare e perpetuare l’eredità di Expo”. Così l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura,
Alimentazione e Sistemi verdi, oggi, al Forum organizzato da
Filiera Italia e Coldiretti, nell’ambito di ‘Tuttofood’,
dedicato all’agroalimentare Made in Italy, cui ha preso parte
anche il presidente del Consiglio dei ministri.

“La visione di filiera è prioritaria per l’agricoltura lombarda
– ha proseguito l’assessore regionale -. Lo hanno detto gli
stessi agricoltori lombardi nella recente consultazione online
promossa dalla Regione in vista della programmazione del
prossimo Piano di sviluppo rurale”.

“Milano, dopo Expo, è diventata ufficialmente la vetrina
internazionale dei prodotti agroalimentari lombardi e italiani –
ha concluso -. Il settore agroalimentare a Milano ha un
fatturato pari al 15% del totale italiano e vogliamo sfruttare
il nostro capoluogo come piazza conosciuta nel mondo”.

LOMBARDIA TERRA DI BREVETTI

“La Lombardia è la terra dei brevetti ed è indispensabile che Milano diventi sede del Tribunale europeo unificato. ? una grande occasione per un territorio che produce il 39 per cento del totale nazionale”. Lo ha detto il
vicepresidente di Regione Lombardia, in occasione dell’evento
‘Innovagorà’, piazza dei brevetti e della ricerca, presso il
Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, alla presenza
del Ministro dell’Istruzione.

NOSTRI INVESTIMENTI IN RICERCA E INNOVAZIONE PORTANO A BREVETTI
“Tutti gli investimenti regionali in favore di ricerca e
innovazione hanno importanti ricadute anche in termini
brevettuali – ha aggiunto -: il 60 per cento degli accordi per
la ricerca sottoscritti dalla Regione Lombardia con partenariati
di imprese e centri di ricerca (circa 100 milioni di contributi
regionali a fondo perduto) prevede di arrivare a brevettazione”.

PIANO DA 750 MILIONI DI EURO PER TRATTENERE GIOVANI CERVELLI –
“Abbiamo appena approvato il Piano Strategico Triennale per la
Ricerca e l’innovazione, che muoverà 750 milioni di euro, di cui
oltre 300 da privati – ha proseguito il numero due di Palazzo
Lombardia -. Vogliamo tracciare le linee di sviluppo per il
futuro della ricerca per rispondere alle sfide globali del
nostro tempo. Investire in innovazione è per noi fondamentale
per favorire l’occupazione e per trattenere sul nostro
territorio i giovani cervelli”.

LOMBARDIA PRIMA A SEMPLIFICARE ACCESSO A SERVIZI CON BLOCKCHAIN
“L’obiettivo di Regione Lombardia è favorire il trasferimento
tecnologico dal mondo della ricerca alle imprese e
successivamente sul mercato – ha concluso -. Abbiamo una
piattaforma, Open Innovation, che conta migliaia di iscritti e
permette un dialogo costante tra imprese, enti e Università.
Stiamo lavorando per trasformare il modo in cui si crea valore
per il territorio, a partire dai dati digitali attraverso
strumenti innovativi come la Blockchain. Per la prima volta in
Italia attraverso la Blockchain una Regione semplificherà e
renderà trasparente l’accesso ai servizi per i cittadini e, allo
stesso, tempo garantirà l’autenticità dei dati raccolti”.

PRESENTIAMO LE ECCELLENZE

Da domenica 28 aprile a mercoledì 1 maggio 2019, Regione Lombardia presenterà la sua ricca offerta turistica sul palcoscenico dell’Arabian Travel Market (ATM) di Dubai, il principale evento globale del Middle East per
l’industria turistica incoming e outgoing.

Regione Lombardia, insieme a 8 co-espositori lombardi, al Comune
di Milano e al Montenapoleone District, con il supporto
operativo di Explora, accoglierà professionisti del settore e
visitatori presso un’area espositiva di 40 mq all’interno
dell’area Italia coordinata da ENIT.

Domenica 28 aprile, l’assessore al Turismo, Marketing
Territoriale e Moda di Regione Lombardia salirà sul palco di
Piazza Italia per raccontare alla stampa e ai buyers
internazionali le iniziative sul territorio, i progetti speciali
e tutte le novità per il 2019.

‘L’ATM di Dubai – sottolinea l’assessore regionale al Turismo,
Marketing Territoriale e Moda – rappresenta una notevole
opportunità per presentare ad un mercato particolarmente
importante le eccellenze della nostra Lombardia. Dal turismo
alla moda, dal design all’enogastronomia, la nostra regione è
certamente un polo attrattivo per l’area medio orientale.
Visitatori e buyers internazionali sono alla ricerca di un
turismo d’èlite, in grado di abbinare percorsi enogastronomici e
mete dello shopping esclusive. Regione Lombardia, grazie alla
sua offerta variegata, servizi efficienti e strutture
all’avanguardia, simboleggia in tal senso quanto di meglio possa
rappresentare il Made in Italy’.

La Lombardia si presenterà con una serie di eccellenze
riconosciute a livello internazionale: dall’arte, con il
cinquecentenario dalla morte di Leonardo Da Vinci, che vedrà
Milano e l’intera regione protagoniste con eventi ed iniziative
speciali e il lancio di itinerari turistici sulle tracce del
‘Genio’ leonardesco, al sistema ‘Moda e Design’, due tra i
settori più dinamici e rilevanti del sistema economico lombardo,
capaci di stupire per innovazione e qualità delle produzioni.
Fondamentale l’apporto del turismo, il settore che più beneficia
del valore aggiunto generato dalle cosiddette filiere della
creatività e che registra una costante crescita per quanto
riguarda il segmento del turismo culturale verso le città d’arte
e i borghi.

Outlet, centri commerciali e vie dello shopping attraggono ogni
anno turisti da tutto il mondo e fanno della Lombardia la prima
regione italiana per spesa dei turisti internazionali e la
seconda regione per spesa dei turisti provenienti dal Medio
Oriente. Ma non è solo lo shopping a rendere attrattiva la
destinazione: ogni anno si svolgono i principali eventi di
settore quali le Fashion Weeks, il Salone del Mobile e il
Fuorisalone che portano a Milano e in Lombardia visitatori da
tutto il mondo desiderosi di conoscere le ultime tendenze.

L’Arabian Travel Market metterà in luce una Lombardia sotto il
segno distintivo della creatività, che si pone come obiettivo
ambizioso quello di diventare la prima meta turistica in Italia,
anche grazie ad una filiera turistica integrata e ad un sistema
ricettivo in grado di soddisfare le esigenze più sofisticate,
contando 23 strutture alberghiere 5 stelle lusso distribuite tra
Milano, il Lago di Como e il Lago di Garda e circa 650 strutture
alberghiere 4 e 5 stelle, con un peso del patrimonio alberghiero
di alta categoria in crescita rispetto al totale del comparto.
Un’accoglienza basata sulla qualità, riflessa anche negli altri
tratti distintivi che fanno della Lombardia una regione da
record: prima regione d’Italia per numero di siti UNESCO, prima
regione agricola d’Italia e regione più stellata d’Italia con
ben 60 ristoranti stellati nel 2019.

Regione Lombardia tornerà sul palcoscenico di Dubai in occasione
di Expo Dubai 2020 con il progetto Design Competition: una call
for ideas rivolta a giovani designer a elevata potenzialità
creativa per la realizzazione di prototipi focalizzati sul tema
“Connecting Spaces” a sua volta declinato nelle categorie
Innovative Crafting, Digital Connecting Spaces, Design for Human
Connection.

EXPO DUBAI 2020

“Regione Lombardia è al fianco di tanti giovani che, con la loro creatività, rappresentano il cuore pulsante del design lombardo e nazionale”. Così l’assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda ha celebrato i 20 progetti vincitori della ‘Design Competition Expo Dubai
2020’, la call for ideas riservata a giovani designer e imprese,
promossa da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Milano
Monza Brianza Lodi, Unioncamere Lombardia.

‘CONNECTING MINDS, CREATING THE FUTURE’ – L’iniziativa, che
giunge quest’anno alla settima edizione, aveva come tema
l’ideazione di progetti innovativi e la realizzazione dei
relativi prototipi, frutto della collaborazione tra imprese
lombarde e designer under 35, cui è stato richiesto – in
coerenza con il tema di Expo 2020 ‘Connecting minds, Creating
the future’ – di sviluppare idee progettuali sul tema del
‘Connecting Spaces’ inteso sia come oggetti di design per
connettere gli spazi che richiamano la tradizione italiana
dell’artigianato interpretato in maniera innovativa (Innovative
Crafting), sia come spazi connessi attraverso il digitale, IoT,
nuove tecnologie di domotica applicate al design e information
design (Digital Connecting Spaces), oppure ancora come strutture
temporanee per connettere le persone (Design for Human
Connection).

APPUNTAMENTO A EXPO DUBAI 2020 – I venti progetti vincitori
della Design Competition, premiati anche con un contributo a
fondo perduto sino a 20.000 euro per la realizzazione dei
rispettivi prototipi, saranno esposti ad Expo 2020 Dubai, in
programma dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021, a rappresentare
l’eccellenza lombarda nel settori del design e della creatività.

LOMBARDIA DIVENTI SILICON VALLEY DESIGN – “L’ingegno e la voglia
di emergere di tanti giovani professionisti – ha detto
l’assessore regionale – dimostrano ancora una volta quanto sia
importante il settore del design per Regione Lombardia.
L’obiettivo che mi pongo come assessore è far sì che la nostra
regione possa diventare una vera e propria ‘Silicon Valley’ del
design, un polo d’eccellenza del design thinking per sviluppare
innovazioni di successo e per diffondere idee e progettualità a
livello internazionale. Il design coniuga il ‘saper fare’
artigiano con la creatività, l’innovazione e il gusto dell’arte.
E la Lombardia in questo campo primeggia a livello nazionale”.
Sono stati poi premiati anche i progetti di ‘Lombardia Design
Hub’, l’hackathon organizzato da Regione Lombardia, tenutosi lo
scorso dicembre con il contributo di oltre 130 iscritti
provenienti da 17 Paesi diversi (età media 25 anni). I candidati
divisi in 13 gruppi hanno lavorato su tre tematiche distinte
concernenti il design: ripensare lo spazio espositivo di Palazzo
Lombardia; una nuova strategia di comunicazione e di immagine di
Piazza Città di Lombardia; immaginare e progettare un format di
‘Fuorisalone diffuso’, da tenere su tutto il territorio
regionale. I vincitori sono stati rispettivamente i progetti
‘Lombardia On Stage’, ‘Hourglass’ e ‘Piazza Città di Lombardia’.

AMBASCIATORI DELLA LOMBARDIA A DUBAI – “La vostra creatività –
ha concluso l’assessore regionale rivolta ai vincitori –
permetterà di arricchire i nostri spazi: siete dei veri e propri
ambasciatori di Regione Lombardia”.

SALONE DEL MOBILE

“Da oggi a domenica 14 aprile, il Belvedere del 39° piano di Palazzo Lombardia sarà aperto fino alle ore 23. In questo modo vogliamo per celebrare nel migliore dei modi la ‘Milano Design Week’e iniziative previste
nell’ambito Salone del Mobile e del Fuorisalone”.
Lo ha detto l’assessore regionale al Turismo, Moda e Marketing
territoriale, inaugurando la mostra ‘Lightrevolution. Il
design che illumina la vita’ realizzata da ADI – Associazione
del Design Industriale – delegazione Lombardia.

“In questo modo – ha aggiunto – vogliamo dare a quante più
persone possibile la possibilità non solo di ammirare le mostre,
le installazioni e i progetti innovativi che ospitiamo, ma di
farlo da una location unica. Dal Belvedere, infatti, è anche
possibile apprezzare la trasformazione urbanistica e
architettonica che sta caratterizzando questa parte della città.
Una zona nella quale Palazzo Lombardia spicca per bellezza.
Ricordo anche che è stato il primo edificio ad aver iniziato la
trasformazione dell’area proprio a testimonianza di quanto le
amministrazioni che si sono succedute hanno sempre tenuto non
solo all’efficienza e al risparmio energetico, ma anche al
bello. E questa è la filosofia che caratterizza gli appuntamenti
di questa settimana”.

MUSEO DEL DESIGN

“Oggi inauguriamo il Museo del Design italiano destinato a dare valore aggiunto alla collezione della Triennale e richiamare turisti da tutto il mondo. Significativo e simbolico che la nascita di questa realtà avvenga nell’anno delle celebrazioni di Leonardo Da Vinci, un maestro ‘ante
litteram’ del Design, per come ha saputo unire l’arte
all’ingegneria, la bellezza alla funzionalità”.

Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia nel corso della
cerimonia di apertura del Museo del Design Italiano di
Triennale, a Milano, alla presenza del presidente del Consiglio.

“Sono giorni di grande fermento per questa città e per la nostra
regione. Le Istituzioni, all’unisono – ha proseguito il
governatore – sono impegnate nella piena valorizzazione del
nostro territorio. La scorsa settimana abbiamo mosso concreti
passi avanti per la candidatura di Milano ad ospitare i Giochi
olimpici 2026 e la sezione Centrale del Tribunale Unificato dei
Brevetti. Oggi, ci concentriamo sul Salone del Mobile e il suo
corollario nobile, quel ‘Fuorisalone’, ormai dotato di uno
spirito e di un prestigio unico”.

“‘Fuorisalone’ – ha aggiunto – che sarà anche a Palazzo
Lombardia, e farà della nostra splendida e avveniristica sede un
luogo in piena armonia con gli eventi in corso, uno dei centri
vitali di questo vero e proprio hub della creatività”.

“In questa terra dove la cultura è avanguardia – ha sottolineato
il governatore – l’arte, soprattutto quella applicata, ha anche
la funzione di stimolare il mondo produttivo. Questo luogo ne è
oggi una dimostrazione plastica. Il merito va al presidente
Stefano Boeri, e insieme a lui a tutte le Istituzioni che hanno
creduto in questo progetto e lo hanno sin dall’inizio
sostenuto”.

“Aprire un Museo oggi – ha concluso – è un atto di memoria, ma
soprattutto di lungimiranza. E’ un investimento sulle nuove
generazioni, che devono poter avere sempre davanti agli occhi la
bellezza dell’Italian Style. Il nostro Museo può dimostrare ai
giovani, ai turisti, a noi tutti, che dietro a ciascuno degli
oggetti della nostra vita quotidiana c’è un’idea, un progetto,
un lavoro, da riconsiderare con occhi diversi. Al direttore
artistico Joseph Grima e a tutti coloro che cureranno e
arricchiranno il neonato Museo voglio assicurare il massimo
sostegno della Regione, impegnata a dare forza a tutte quelle
realtà culturali che hanno reso e renderanno unica la nostra
terra”.

VINITALY, PADIGLIONE LOMBARDIA

Oltre 200 espositori e 2.000 etichette su uno spazio espositivo di 8.500 mq. Questi i numeri da record per il Padiglione Lombardia a Vinitaly, inaugurato
dall’assessore regionale all’Agricoltura, alimentazione e
sistemi verdi.

“La Regione Lombardia – ha detto – produce il 90% dei vini con
denominazione di qualità. E i nostri produttori lombardi sono da
sempre impegnati a produrre un prodotto che abbia al centro la
distintività, ma è bene insistere su questa via per ottenere
così un vino sempre più apprezzato e riconosciuto per il suo
valore. Da qui la necessità di investire sulla qualità che è
anche e soprattutto sostenibilità, come anche sulla produzione
biologica sempre più ricercata dai consumatori. Dobbiamo e
possiamo puntare a posizionare i vini lombardi su una gamma
medio – alta di mercato per avere le necessarie marginalità che
permettono gli investimenti”.

Quella lombarda è una tra le prime collettive per numero di
realtà presenti. Lo spazio a disposizione di aziende e consorzi
è complessivamente di 8.500 metri quadrati, di cui circa 4.000
allestiti, ed è finanziato e realizzato tramite un Accordo di
programma dalla Regione e Unioncamere Lombardia.