MILANO TURISMO

Nella speciale rilevazione di PoliS Lombardia, il capoluogo regionale si posizione al terzo posto per gli arrivi di stranieri, con un 57,4%, dietro a Como (72,8%) e Varese (60,4%). Perde una posizione in tema di presenze, con un 59,3% di stranieri, nella classifica guidata da Como (77,5%),
Brescia (72%) e Lecco (62,6%).

RICETTIVITA’ – Con 656 strutture alberghiere e 2.864
extralberghiere, Milano ha segnato una flessione del 3,1 %
(2017/2018) e del 3 % (2015/2018) negli alberghi e una crescita
del 59,8% (2017/2018) e del 203,7% (2015/2018) nelle altre
tipologie di offerta ricettiva.

DIMENSIONE DELLE STRUTTURE – A Milano, cosi’ come a Monza e a
Varese, si concentrano gli alberghi di maggiori dimensioni,
mentre la dimensione media (valore medio dei posti letto
disponibili) delle altre tipologie di strutture e’ piu’ contenuta.
Nel primo caso, infatti, il capoluogo e’ primo in classifica con
114 posti, davanti a Monza (94) e Varese (86); nel secondo caso,
le strutture extralberghiere, Milano si posiziona in fondo alla
classifica con una dimensione media di 9 posti letto per
struttura. Per quanto riguarda la densita’ ricettiva, Milano ha
8,4 posti letto ogni 1.000 residenti.

CASE VACANZE E ALLOGGI IN OFFERTA – Nel 2015 Milano registrava
423 unita’ con 5.341 posti letto, diventate 2.337 con 18.500
posti letto nel 2018; la durata media del soggiorno e’ di 2,76
giorni. Complessivamente gli arrivi e le presenze registrate
(2018) ammontano rispettivamente a 560.824 e 1.545.321 persone,
con variazioni percentuali nel triennio 2015/2018 del 363,4%
(arrivi) e 289,7% (presenze).

OLIMPIADI 2026

“Un’ottima notizia che rende ancor piu’ forte il senso di compattezza che sta caratterizzando la nostra candidatura”. Cosi’ il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commenta la notizia della partecipazione del
presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lunedi’ prossimo, a
Losanna, in occasione dell’assegnazione delle Olimpiadi
invernali 2026. “Fin dall’inizio di questa avventura – ha
proseguito il presidente Fontana – ho sottolineato come lo
spirito di squadra dovesse essere il vero punto di forza della
candidatura di ‘Milano-Cortina’ e la decisione del premier va
proprio in questa direzione”. “In tal senso – ha concluso il
governatore – mi auguro che siano tantissimi gli italiani che
attraverso messaggi sui social, seguendo l’evento sui media e
partecipando anche agli eventi in piazza gia’ programmati a
Milano e Cortina, diano il loro contributo a sostegno del
raggiungimento di un traguardo davvero importantissimo per
l’intero Paese”.

CORDOGLIO DELLA REGIONE

“Ci ha lasciati Franco Zeffirelli, un italiano che ha contribuito a rendere grande il nostro Paese nel mondo. Un genio capace di stupire e di interpretare in maniera unica ogni situazione che affrontava. Mi piace ricordarlo come assoluto protagonista della Scala di Milano dove ha messo in scena numerose e indimenticabili rappresentazioni”. Lo ha detto
il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando la notizia della scomparsa del regista Franco Zeffirelli.

INGEGNERIA BIOMEDICA

“Ancora una volta il Politecnico di Milano ha fatto la scelta giusta, una scelta coraggiosa che guarda al futuro”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia intervenendo, insieme al sottosegretario con delega
alle Relazioni internazionali, alla conferenza stampa di
presentazione di ‘Medtec’, laurea congiunta in ingegneria
biomedica e medicina del Politecnico di Milano e di Humanitas
University.

“Attraverso questo nuovo percorso – ha proseguito il governatore
– si conferma la capacità, da parte del Politecnico di Milano e
di chi crede in questo progetto, di pensare al futuro con grande
lungimiranza, puntando sulle specificità delle conoscenze e
affrontando le problematiche in maniera multidisciplinare”.
Guardando più in generale al mondo della sanità e alla carenza
di medici con cui deve fare i conti l’intero Paese, il presidente della Regione ha confermato che “anche la Lombardia ha assolutamente bisogno di medici, un obiettivo che può essere raggiunto attraverso l’allentamento dei vincoli che attualmente regolano l’accesso alla professione”.

AUTONOMIA AIUTERA’ A COLMARE GRAVI CARENZE DI PERSONALE E
STRUTTURE – “In tal senso – ha aggiunto – sono convinto che il
raggiungimento dell’Autonomia aiuterebbe a colmare queste gravi
carenze riguardanti sia le strutture ospedaliere, sia i medici
di base”. Il governatore ha poi evidenziato come la “Lombardia
continua a puntare sulla ricerca, perchè solo con la ricerca si
può competere con i più importanti Paesi mondiali. Questo nuovo
corso di laurea saprà coniugare il valore della scienza al
rapporto umano, al sapersi rapportare con gli altri, elemento
fondamentale nel settore della medicina. Saluto dunque, con
grande soddisfazione, la nascita di un ulteriore punto di
riferimento scientifico che la Lombardia metterà a disposizione
dei propri cittadini e, come sempre, di quelli del resto
d’Italia”.

SOTTOSEGRETARIO, COMPLIMENTI ALLA VISIONE DI CHI HA SCELTO
QUESTI TEMI, SONO QUELLI DELLA NOSTRA PRESIDENZA 4 MOTORI – Il
sottosegretario ha poi evidenziato come i temi attorno ai quali
si svilupperà la nuova laurea sono gli stessi scelti dalla
Lombardia per la presidenza 2019 dei ‘4 Motori d’Europa’. Vale a
dire la Medicina personalizzata, le politiche e gli strumenti
predittivi per l’efficienza dell’azione di governo, le filiere
produttive eco-innovative e la manifattura 4.0 e le professioni
del futuro dove l’innovazione sta nella formazione. Senza
dimenticare ovviamente le enormi possibilità che offrono i big
data. “Anche questo aspetto – ha concluso il sottosegretario –
conferma quanto siamo stati lungimiranti nel proporre alle
Regioni partner il nostro programma per la presidenza. Voglio
dunque rivolgere tanti complimenti agli uffici per la grande
visione che hanno avuto nell’organizzare la nostra annualità di
presidenza”.

BELVEDERE APERTO

In occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci proseguono le aperture straordinarie del Belvedere di Palazzo Lombardia, ogni domenica dalle 10 alle 18.

Tra le iniziative che raccontano e valorizzano figura e opere
del genio rinascimentale c’è la possibilità di ammirare, al 39°
piano della sede regionale, fino al 14 luglio prossimo, la
riproduzione del celebre aliante leonardesco, realizzata in
collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza e della
Tecnologia di Milano; insieme, una serie di pannelli espositivi
e vetrofanie che aiuteranno i visitatori ad orientarsi e a
identificare i principali luoghi di Leonardo in Lombardia.

INTERESSE PER IL VOLO, ATTENZIONE A TERRITORIO – L’installazione
si ispira a due grandi temi che percorrono il
lavoro di Leonardo: da un lato l’interesse per il volo e,
dall’altro, l’attenzione per il territorio che lo circonda.
Il disegno dell’aliante (foglio 846v del Codice Atlantico
appartenente alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana) è uno dei
progetti più completi in questo campo: due ali, le cui estremità
possono essere flesse dal pilota per controllare la planata,
sono fissate ad una gondola centrale.

INIZIATIVE DA LUGLIO A SETTEMBRE – Da luglio a settembre lo
Spazio espositivo di Palazzo Lombardia ospiterà la mostra ‘Genio
& Impresa – Leonardo e Ludovico ieri e oggi’, promossa da
Assolombarda in collaborazione con Giunta e Consiglio Regionale
della Lombardia, per celebrare la straordinaria capacità del
nostro territorio di creare innovazione.

Una ricerca commissionata da Assolombarda al Politecnico di
Milano sul rapporto tra impresa, progettazione e innovazione
farà da base – attraverso l’archetipo del rapporto tra Leonardo
da Vinci e Ludovico il Moro, quindi tra genio e impresa – per
tracciare una storia dell’imprenditoria italiana e lombarda e
realizzare una mostra multimediale che selezionerà tra le 120
storie d’impresa già raccolte tra quelle più rappresentative ed
evocative di questo rapporto.

CACCIA AL TESORO – Alla mostra multimediale è collegata una
caccia al tesoro alla scoperta dei luoghi leonardeschi, che si
svolgerà il 29 giugno e che coinvolgerà oltre 1.000 persone
divise in squadre di 10-15 elementi e che vedrà Palazzo
Lombardia e Palazzo Pirelli tra i luoghi protagonisti.