‘ALTA QUOTA 2018’

Inaugurata a Bergamo, nel quartiere fieristico, ‘Alta Quota 2018′, la fiera della montagna e dell’outdoor che si svolge nel capoluogo orobico dal 12 al 14 ottobre. Alla cerimonia di apertura della rassegna e’ intervenuta Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e Moda. “Da sportiva e campionessa di sci sono particolarmente orgogliosa di celebrare un evento che permette alla mia Bergamo di diventare in questi giorni la capitale della montagna in Lombardia. Come assessore – ha detto Magoni – sono qui a testimoniare l’impegno delle istituzioni, insieme ai territori, per presentare al pubblico e ai professionisti del settore le numerose e suggestive destinazioni di montagna che richiamano ogni anno migliaia di turisti e appassionati da tutto il mondo”.
“L’obiettivo di Regione Lombardia – ha continuato Lara Magoni – e’ potenziare il turismo d’alta quota, valorizzando quei punti di forza che possono rendere le nostre montagne attrattive tutto l’anno, dalle attivita’ all’aria aperta alle bellezze paesaggistiche ed ambientali, sino all’enogastronomia e allo sport in liberta’, come il cicloturismo e lo sci. E la montagna per Regione Lombardia e’ fondamentale, oggi come non mai, vista la candidatura Milano-Cortina per le Olimpiadi invernali del 2026. Sono certa che saremo in grado di portare avanti una sfida che ci vede tutti protagonisti con la capacita’ e la professionalita’ che le nostre istituzioni hanno piu’ volte dimostrato”.
“Le Olimpiadi – ha rimarcato l’assessore Magoni – saranno un’occasione eccezionale per dare il giusto risalto alle nostre montagne e per far lievitare i flussi turistici lungo tutto l’arco alpino dalle Alpi alle Prealpi, dalla Valtellina alla Valchiavenna fino alle valli bergamasche, bresciane e dell’Alto Lario”. “Oggi nella veste di assessore regionale al Turismo e al marketing territoriale – ha concluso Lara Magoni – sposo con estrema convinzione questa nuova e stimolante avventura perche’ potra’ essere un volano formidabile per la promozione della nostra Lombardia. E’ un’occasione da non perdere, e’ una opportunita’ per sostenere fin da ora la filiera turistica della montagna. Regione Lombardia c’e'”.

ARRAMPICATE IN MONTAGNA

Si apriranno domani, venerdi’ 13 ottobre, le giornate dedicate alla scoperta della montagna lombarda. Sono previste, per chi si prenotera’ all’indirizzo segreteria@guidealpine.lombardia.it, escursioni e arrampicate gratuite con le guide alpine e gli accompagnatori di media montagna della Lombardia. Lo scopo dell’iniziativa e’ approfondire la conoscenza dell’ambiente montano lombardo, evidenziandone le peculiarita’: i paesaggi unici, la storia e l’evoluzione delle popolazioni alpine, la fauna, gli ambienti forestali e botanici, con un occhio di riguardo al corretto approccio nei confronti dell’ambiente naturale e alla sicurezza.
APPUNTAMENTO MOLTO ATTESO – “Parte questo fine settimana – ha spiegato l’assessore regionale allo Sport e Giovani Martina Cambiaghi – un appuntamento molto atteso per la stagione autunnale, dedicato a tutti gli appassionati della montagna e dell’arrampicata. Faccio i miei complimenti alle guide alpine per il prezioso lavoro che svolgono quotidianamente, perche’ con queste iniziative sono ambasciatori del territorio lombardo per il turismo, lo sport e la conoscenza delle bellezze naturali ed enogastronomiche della nostra regione”.
EDIZIONE RICCA DI NOVITA’ – “Siamo felici di rinnovare anche quest’anno – ha affermato Fabrizio Pina, presidente del Collegio regionale guide alpine Lombardia – l’appuntamento con le giornate aperte al pubblico. Una bella iniziativa realizzata grazie a Regione Lombardia, che raccoglie sempre una grande adesione di pubblico. Le novita’ di questa edizione 2018 saranno i supporti tecnico-didattici su arrampicata e su escursionismo che metteremo a disposizione di tutti gli interessati”.
PROGRAMMA DELLE ESCURSIONI – Sono otto le escursioni distribuite in 5 giornate di ottobre:
– 13 ottobre, Savogno e Dasile(SO); Diga del Gleno (BG)
– 14 ottobre, Rifugio Bietti (LC); Il percorso nella roccia
Valsolda (CO)
– 21 ottobre, Corna Trentapassi(BS); Monte Lesima(PV)
– 27 ottobre, Monte Pravello (VA)
– 28 ottobre, La Pietra Pendula (CO)
ARRAMPICATA – Le giornate dedicate alle prove gratuite di arrampicata saranno due: domenica 21 ottobre e sabato 27 ottobre. Gli argomenti delle lezioni saranno la tecnica di arrampicata e le tecniche di sicurezza. L’obiettivo e’ anche quello di far riflettere sul fatto che, anche in un ambiente ben attrezzato come una falesia, gli utilizzatori sono responsabili della propria protezione, che non puo’ mai essere demandata; occorre, quindi, conoscere tutte le tecniche necessarie per un utilizzo corretto delle attrezzature. Le guide alpine e gli aspiranti guide forniranno a coloro che ne fossero sprovvisti tutti i materiali necessari alla scalata: scarpette, imbragatura e casco. La giornata comincera’ in ogni falesia alle ore 9 e si chiudera’ alle 17. Possono partecipare anche i minori di eta’superiore ai 10 anni, purche’ accompagnati da un genitore o da un tutore legale.
SEI FALESIE – Le arrampicate si svolgeranno su sei diverse falesie della Lombardia: Sasso di Remenno (SO); Galbiate (LC); Introbio (LC); Sasso d’Erba (CO); Cividate Camuno(BS); Corna Rossa di Lantana (BG).

GIORNATE FAI D’AUTUNNO

E’ l’acqua il filo conduttore delle ‘Giornate Fai d’autunno’, in programma domani e dopodomani, sabato 13 e domenica 14 ottobre. In Lombardia, prima in Italia per numero di luoghi da visitare, sono state organizzate visite in 94 luoghi e 19 itinerari a cura dei gruppi Fai giovani.
#SALVALACQUA – Per sensibilizzare circa il valore della preziosa risorsa che e’ l’acqua, con la campagna #salvalacqua, verranno aperti luoghi solitamente non visitabili: mulini, terme, dighe, centrali d’acqua, depuratori, oltre che ville, palazzi, chiese, castelli, musei. O semplicemente piccoli borghi-gioiello a volte dimenticati.
LOMBARDIA SPECIALE – Come riportato su Lombardia Speciale, www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it , in Lombardia sono
113 gli appuntamenti da non mancare (19 itinerari a tema e 94 luoghi aperti), dei 660 previsti in tutta Italia, che confermano anche per le ‘Giornate d’autunno’ la grande sensibilita’ della regione (circa 17 per cento), davanti al Piemonte (10,9 per
cento) alla Sicilia (5,6 per cento) e al Lazio (3,3 per cento).
LOMBARDI SCOPRANO MERAVIGLIE NOSTRA REGIONE – Da oltre quarant’anni il Fai svolge un ruolo importante nella valorizzazione del patrimonio culturale in tutto il Paese e, quindi, anche in Lombardia – spiega Stefano Bruno Galli, assessore all’Autonomia e Cultura della Regione Lombardia -. Per questo il Fai e’ un partner delle istituzioni pubbliche, e quindi anche di Regione Lombardia, nel promuovere la cultura del territorio, che rappresenta un importante fattore di sviluppo non solo economico, perche’ accresce la conoscenza e la consapevolezza dei cittadini della storia e dei valori dei luoghi e dei territori. In questo weekend, sono 94 i luoghi visitabili in Lombardia, 9 a Milano e ben 85 distribuiti in 33 Comuni articolati in 19 itinerari. Invito tutti i Lombardi ad andare alla scoperta di alcune meraviglie della nostra bellissima regione”.
IN LOMBARDIA UN ‘TURISMO DEI TERRITORI’ – “Un’iniziativa lodevole, quella del Fai, che dimostra ancora una volta la forte vocazione turistica della Lombardia, vero e proprio scrigno di ricchezze ambientali, paesaggistiche, culturali e artistiche – commenta l’assessore al Turismo della Regione Lombardia Lara Magoni -. Offrire ai visitatori itinerari meno conosciuti, ma che rivestono un notevole fascino, e’ un valore aggiunto per la nostra regione, in grado di valorizzare un ‘Turismo dei territori’ alla scoperta di piccoli borghi e luoghi dalle antiche tradizioni. Un percorso condiviso grazie a un’azione di promozione coordinata tra istituzioni, associazioni ed enti locali, per la valorizzazione di un turismo di qualita’, capace di esaltare il brand Lombardia. Un ulteriore tassello per far diventare la nostra terra la prima meta turistica in Italia.
I SITI LOMBARDI – Se a Milano si potra’ entrare nella Centrale dell’acqua di via Cenisio, a Rho sara’ di scena il fontanile di Buongiovanni. A Como saranno visitabili il museo della Barca Lariana e l’impianto di depurazione di Bulgarograsso, oltre alla piu’ antica diga d’Italia, Cavo Diotti. Cosi’ come la storia di Brivio (Lecco) e’ legata indissolubilmente al fiume Adda tra Imbersago e Villa d’Adda, non puo’ non essere di grande interesse il traghetto di Leonardo, che prende il nome dal suo presunto inventore, Leonardo da Vinci appunto. E poi o Brescia, la “citta’ sulle vie d’acqua”, con i suoi palazzi e le chiese visitabili dislocati sopra il corso dei torrenti che un tempo attraversavano la citta’. E la Casetta dell’acqua di Cremona o le bocche di presa della roggia Vailata, che convogliano le acque dell’Adda per l’irrigazione dei campi.
LA CAMPAGNA DEI GIOVANI – Sono 250 le citta’ italiane che aderiscono a questa iniziativa realizzata dai gruppi Fai Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi ‘Ricordati di salvare l’Italia’, in collaborazione con la Commissione europea, nell’ambito delle attivita’ dedicate all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018. In questa edizione sara’ possibile iscriversi anche per via telematica grazie all’adozione di tablet e all’attivazione del Portale del territorio, mentre per Milano e Brescia sara’ attivo un QRCode che permettera’ di collegarsi direttamente al sito del Fai. Ad affiancare i giovani del Fai, nell’accogliere e guidare i visitatori, ci saranno piu’ di 5mila “apprendisti ciceroni”, studenti della scuola di ogni ordine e grado, che hanno scelto con i loro docenti di partecipare nell’anno scolastico a un progetto formativo di cittadinanza attiva.
Per informazioni: www.giornatefai.it; www.fondoambiente.it.

SALONE MOBILE MILANO – MOSCA

“Il Salone del Mobile Milano-Moscow che inauguriamo sara’ un momento fondamentale per verificare la ripresa delle esportazioni lombarde verso la Federazione Russa, che per noi rappresenta da sempre un mercato di riferimento per il settore del legno-arredo”.
Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana che, insieme all’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini, partecipa all’inaugurazione del ‘Salone del Mobile-Milano Moscow 2018′, in programma dal 10 al 13 ottobre, a Mosca.
GRANDE OCCASIONE PER IMPRESE LOMBARDE – “Sara’ senza dubbio una grande occasione per le 34 imprese lombarde che partecipano al Salone – ha sottolineato il governatore – per consolidare il trend positivo delle esportazioni verso la Russia che nei primi quattro mesi di quest’anno ha gia’ fatto registrare un + 2%”.
LEGNO ARREDO FIORE ALL’OCCHIELLO PRODUZIONE ITALIANA – Il presidente si e’ detto orgoglioso del settore del legno-arredo lombardo “che rappresenta il fiore all’occhiello della produzione italiana” e ha ringraziato gli imprenditori “che aiutano a portare avanti il Paese anche in momenti di difficolta’ e crisi”.”Devo ringraziare il presidente Claudio Luti – ha affermato Fontana – per aver contribuito a trasformare il Salone del Mobile Milano da semplice fiera a evento internazionale capace di coniugare il settore del legno arredo, con la cultura, la creativita’ e l’intrattenimento soprattutto per i giovani”.
CAPARINI: VOGLIAMO AIUTARE ESPANSIONE IMPRESE LOMBARDE SUI MERCATI ESTERI – Anche l’assessore Caparini ha evidenziato la rilevanza delle imprese lombarde “soprattutto come Regione – ha detto – vogliamo aiutare la loro espansione nei mercati esteri, attraverso incentivi che consentano di farle conoscere al mondo intero. Un’apertura internazionale per i prodotti italiani caratterizzati da un’alta affidabilita’ e innovazione tecnologica costituisce sicuramente un volano per la crescita economica non solo della Lombardia, ma di tutto il Paese”.

OLIMPIADI 2026

“Grandi eventi, come le Olimpiadi, sono molto importanti non solo a livello sportivo, ma anche per la valorizzazione dell’immagine, del turismo e dell’economia del territorio, come ha dimostrato Expo 2015. Ora, pero’, bisogna conquistare l’assegnazione dei giochi olimpici e questo non e’ scontato”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a Mosca, in Russia, margine dell’inaugurazione del ‘Salone del Mobile Milano – Moscow 2018′ intervenendo nel dibattito sulle Olimpiadi invernali del 2026. “Se dovessimo farcela – ha aggiunto Fontana – spero che le Olimpiadi invernali si trasformino in un ulteriore volano di sviluppo. Abbiamo delle ottime carte da giocare, lo ha riconosciuto anche il Cio che ha ritiene la nostra una proposta seria e affascinante”. “Credo – proprio – ha concluso il presidente – che mettere insieme Milano, con il suo fascino e il suo brand, e Cortina e la Valtellina, con le loro montagne, sia una proposta che nessun altro puo’ offrire”.

NAVIGLI LOMBARDI

Uno stanziamento di 350.000 euro per valorizzare i Navigli lombardi, con particolare riferimento al Naviglio Grande e al Naviglio di Paderno d’Adda. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilita’ sostenibile, Claudia Maria Terzi, a seguito di due emendamenti alla legge di assestamento al bilancio presentati dai consiglieri Alessandro Corbetta e Curzio Trezzani. “Abbiamo finanziato – ha spiegato l’assessore Terzi – due tipologie di interventi: da un lato opere di riqualificazione delle sponde del Naviglio Grande con 300.000 euro, per favorire fruibilita’, navigabilita’ e sicurezza del principale naviglio lombardo. Dall’altro abbiamo messo in campo 50.000 euro per attivita’ di rilievo e analisi volte a verificare la fattibilita’
tecnico-economica di una riapertura del Naviglio di Paderno, ora privo d’acqua e in disuso dagli anni Trenta del secolo scorso. Un progressivo recupero di questo Naviglio storico, anche ai fini della navigazione, potrebbe costituire un valore aggiunto per il territorio in termini di promozione turistico-paesaggistica”. Il Naviglio di Paderno, che correva parallelo alla riva brianzola dell’Adda, entro’ in funzione sul finire del Settecento per agevolare i collegamenti fluviali con Milano.
11 MILIONI IN 3 ANNI – “Regione Lombardia dal 2015 a oggi – ha aggiunto Terzi – ha investito complessivamente 11 milioni di euro nella riqualificazione e valorizzazione dei Navigli, tra sistemazione delle sponde, recupero delle conche, progettualita’ e opere connesse al rilancio di questo autentico tesoro lombardo. I Navigli costituiscono un simbolo della nostra storia, dell’intraprendenza e dell’inventiva dei lombardi: costituiscono soprattutto un’opportunita’ di sviluppo dal punto di vista turistico e imprenditoriale”.

‘SEEDS&CHIPS’ MILANO E FOOD

Il sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega ai rapporti internazionali, Alan Christian Rizzi, ha partecipato nel pomeriggio alla conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2019 di ‘Seeds&Chips – The global food innovation summit’, forum dedicato all’alimentazione e all’agricoltura, in programma a Milano dal 6 al 9 maggio. Rizzi ha aperto e concluso l’evento che si e’ tenuto davanti a una prestigiosa platea, costituita da numerosi rappresentanti diplomatici, tra cui Walid Haidar, decano del Corpo consolare a Milano e console generale del Libano, oltre che da note personalita’ del mondo dell’industria e della finanza.
LOTTA ALLO SPRECO E FOOD SECURITY – Leggendo il saluto del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, impegnato in una missione istituzionale all’estero, il sottosegretario ha detto: “Seeds&Chips contribuisce a tenere alto il livello del confronto sulle tematiche emerse durante Expo Milano 2015, rappresentandone, dunque, la naturale evoluzione. Food security e food safety, lotta allo spreco alimentare, sostenibilita’ del mondo agricolo: questi sono temi che la nostra Giunta regionale vuole affrontare con serieta’ e urgenza. Ben vengano, dunque, manifestazione come Seeds&Chips che stimolano il dibattito, attraverso il coinvolgimento di autorevoli esponenti provenienti da tutto il mondo”. E ancora, in merito alle tendenze future: “La Lombardia e’ la prima regione agricola d’Italia e territorio di grande tradizione culinaria ed enogastronomica, con decine di prodotti certificati. La crescita e la prosperita’ del settore agroalimentare non possono, tuttavia, prescindere da elementi quali l’innovazione e la ricerca, oggi fondamentali per competere in un mercato sempre piu’ agguerrito. Il connubio tra agroalimentare, ricerca e impresa in Lombardia e’ molto forte. Ne e’ un esempio il Cluster di Alta Tecnologia Agrofood Lombardia, che crea sinergie tra alcune delle maggiori Universita’, grandi imprese, PMI e realta’ della ricerca lombarda per esplorare le nuove possibilita’ dell’agritech e dell’industria 4.0. Il capoluogo lombardo, inoltre, ospita il 10% delle startup del settore food d’Italia, mentre il’8,5% e’ presente nel territorio di Bergamo”.
UNA PRESENZA IMPORTANTE – Con il decano del Corpo consolare e console del Libano, al 39° piano del grattacielo sede della Giunta, hanno assistito all’incontro i rappresentanti di Algeria, Australia, Bangladesh, Bosnia ed Erzegovina, Belgio, Benin, Brasile, Cina, Filippine, Finlandia, Francia, Kuwait, Lettonia, Messico, Paesi Bassi, Peru’, Romania, Slovenia, Tunisia, USA e Uruguay.
UN LABORATORIO COSMOPOLITA – “Dopo il successo di Expo – ha evidenziato il sottosegretario Rizzi nel chiudere l’incontro – questa quarta edizione della manifestazione, patrocinata dalla Regione Lombardia, conferma Milano e la Lombardia come capitali mondiali del ‘food’. Eventi come questo fanno risaltare la citta’ come punto di riferimento internazionale per le piu’ importanti iniziative legate all’alimentazione, alle innovazioni e all’analisi dei nuovi trend del settore. Un laboratorio cosmopolita di idee e progetti dove ricerca e genialita’ italiana si fondono per creare nuove prospettive di sviluppo che potranno andare a beneficio della nostra economia e dell’umanita’ intera”.