FORMAGGI,FAVA:ACCORDO PER BITTO AVAMPOSTO DI TRADIZIONE

“Un accordo che rappresenta un
avamposto di tradizione, cultura e agricoltura. Il massimo della
tradizione agricola lombarda, che origina un prodotto di qualità
sempre più apprezzato, nonostante produzioni piccole ma
significative. Il bitto è simbolo della montagna lombarda”.
Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava,
intervenendo oggi alla presentazione dell’accordo di
collaborazione tra il Consorzio per la tutela dei formaggi
Valtellina Bitto e Casera e il Consorzio salvaguardia Bitto
Storico. Alla presentazione sono intervenuti Emanuele Bertolini,
presidente della Camera di commercio
di Sondrio, Paolo Ciapparelli, presidente Consorzio salvaguardia
Bitto storico, Vincenzo Cornaggia, presidente del Consorzio per
la tutela dei formaggi Valtellina Bitto e Casera, e Luca Della
Bitta, presidente della Provincia di Sondrio.

PRODUZIONI PROMUOVONO TERRITORIO – “Da oggi – ha proseguito
Fava – questa straordinaria testimonianza di cultura, storia,
civiltà legata ai territori, ha una sua forma istituzionale.
Un’alleanza che avviene a poche settimane da Expo. Il tema delle
produzioni locali si conferma ancora una volta elemento
distintivo dei territori. Anche in chiave turistica: ormai è
maturo il momento delle proposte enogastronomiche, un territorio
come questo con un’offerta tradizionale avrebbe avuto più
difficoltà ad affermarsi”.

RISORSE AD HOC PER MONTAGNA – “Ora che questo passo è compiuto –
ha aggiunto l’assessore – vale la pena convogliare sforzi della
nuova programmazione sui singoli prodotti abbandonando un certo
campanilismo. Tuttavia, se non ci fossero state in questi anni
di dibattito posizioni contrapposte non si sarebbe arrivati alla
conclusione di oggi, che rappresenta una posizione al rialzo e
non al ribasso”.
“Siamo stati i primi a dotarci di un capitolo apposito per la
montagna – ha ricordato Fava -, che in Lombardia vale il 55% del
territorio. Dal Psr per quest’area potrebbero arrivare risorse
ingenti, tra i 5 e i 6 milioni di euro.
Complessivamente la programmazione da qui al 2020 vale 133
milioni di euro in più rispetto alla precedente. Queste
produzioni potrebbero avere finalmente benefici economici,
diversamente non potremo garantire la giusta remunerazione a chi
garantisce con grandi sforzi la tradizione”.

GRAZIE A CHI LAVORA IN ALPEGGIO – Un’alleanza, quella sancita
oggi, che poteva essere raggiunta prima. “Già nel 1906 si
parlava di Bitto in occasione dell’esposizione universale – ha
ricordato Fava -. Un plauso va anche a coloro che hanno reso
possibili queste straordinarie produzioni, chi ha fatto la dura
vita dell’alpeggio con tutte le difficoltà, molto spesso per
scelta o necessità, certamente per vocazione.
E quando si fa qualcosa per vocazione e si dà voce a questi
territori si ottengono sempre risultati straordinari, basta solo
dare il tempo giusto alle cose”.

EXPO SFIDA LOMBARDA – “La nostra sfida la vinciamo se Expo
diventa fenomeno lombardo, se si identifica con i territori
della Lombardia, che il resto del mondo non conosce – ha
osservato l’assessore lombardo -. La sfida la vinciamo se i
milioni di persone che arriveranno in quei sei mesi li teniamo
sul territorio; ma per scongiurare la fuga dopo la visita al
sito servono proposte con i tour operator perché si dica
esattamente cosa bisogna vedere in questi territori. Quali altre
occasioni avremo in futuro?” . (Ln)

MARONI HA INCONTRATO SCEICCO DEL QATAR

Il presidente della Regione Lombardia
Roberto Maroni ha incontrato, questo pomeriggio, a Palazzo
Lombardia, lo sceicco del Qatar, Nasser Bin Abdulrahman Al
Thani. L’esponente della famiglia reale ha voluto incontrare il
governatore allo scopo di porre le basi per una futura
collaborazione fra la Regione Lombardia e lo Stato del Qatar. Lo
sceicco è infatti in visita in Lombardia, dove ha incontrato il
anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e alcuni imprenditori
presso aziende del Mantovano, Bresciano e Milanese.
La collaborazione richiesta a Regione Lombardia servirebbe, nel
breve periodo, per consentire la creazione di una delegazione di
aziende lombarde con prospettive di internazionalizzazione da
inviare a Doha. (Ln)

EXPO EXTRA TOUR BORGOSESIA,MARONI:OCCASIONE PER TUTTI I TERRITORI

“Expo Milano 2015 è un’opportunità
per tutti i territori, anche per quelli fuori dalla Lombardia”.
Lo ha ricordato il governatore della Lombardia Roberto Maroni,
questa mattina, a Borgosesia (Vercelli), dove è stata
organizzata una tappa extra-regione del ‘Lombardia Expo tour’.
“Abbiamo già fatto degli accordi con altre Regioni, come la
Liguria e il Veneto, per fare iniziative comuni legate
all’Esposizione universale” ha ricordato il presidente lombardo,
anticipando che intende parlare con il ‘collega’ Chiamparino,
per fare altrettanto in Piemonte, ma ha anche evidenziato come
questa collaborazione “non per forza deve passare dalle
Regioni”. “Se c’è un territorio interessato – ha detto – io sono
disponibile. Lavoriamo con grande flessibilità e abbiamo dato
vita a strumenti importanti, come la società Explora, che
raccoglie proposte turistiche per creare ‘pacchetti’ da vendere
ai tour operator”. E ha quindi affidato al sindaco di Borgosesia
e deputato Ue Gianluca Buonanno di fare da coordinatore per
quest’area e fare rete fra Amministrazioni e imprese della zona.

OPPORTUNITÀ DA COGLIERE – Nel corso del suo intervento
all’affollato convegno organizzato al Teatro Pro Loco Maroni ha
ricordato l’opportunità storica rappresentata dall’evento
internazionale dell’anno prossimo: “Sono attesi 20 milioni di
visitatori, 8 dei quali vedranno per la prima volta l’Europa”.
“Noi – ha esortato – dobbiamo cogliere l’occasione per far
conoscere le nostre bellezze e le nostre eccellenze, soprattutto
quelle della filiera agro-alimentare. Dobbiamo valorizzarle al
meglio, per fare in modo che queste persone tornino anche negli
anni a seguire”.

IMPRESE PROTAGONISTE – Il governatore ha messo in evidenza come
non sarà solo il settore del turismo a poter sfruttare
l’opportunità di Expo. “Il mondo delle imprese – ha osservato –
sarà protagonista, perché potranno stringere accordi e
collaborazioni con i Paesi esteri, per aumentare le esportazioni
e per portare il proprio know how in quelle realtà. Così come
avranno modo di incontrare i rappresentanti di Paesi che sono
pronti a venire a investire sul nostro territorio, favorendo
crescita e occupazione”.

GRANDE DINAMISMO – Maroni ha ricordato la grande risposta dei
Comuni lombardi al bando regionale che ha messo a disposizione
10 milioni di euro per iniziative sul territorio legate
all’Esposizione universale. “Abbiamo cose uniche al mondo” ha
ribadito, citando, come esempi, il Monte Rosa, il sistema dei
Sacri Monti, i 10 siti Unesco della Lombardia, i numerosi musei
tematici. “C’è grande interesse, ma occorre farsi trovare
pronti. Oggi sono venuto qui – ha concluso – proprio per dire
che sono interessato a collaborare e a mettere a disposizione le
nostre forze, se la Valsesia vorrà partecipare a questo grande
progetto”. (Ln)

EXPO, MARONI: POZZECCO AMBASCIATORE PER LO SPORT

“Nel ‘Dream Team’ degli Ambasciatori di
Regione Lombardia per Expo entra anche il varesino Gianmarco
Pozzecco, il play della ‘stella’ del 1999 con i mitici
Roosters”. Lo annuncia il presidente di Regione Lombardia
Roberto Maroni.

UNO SPORTIVO A TUTTO TONDO – “Gianmarco Pozzecco – sottolinea il
presidente Maroni – è un ex cestista e playmaker della nazionale
italiana di basket, di grandissimo estro e fantasia e
rappresenta uno dei talenti ‘di sempre’ del basket italiano. Il
suo carisma, la grande personalità, il suo temperamento vivace
ed eccentrico, la sua capacità di ‘fare’ e ‘creare’ squadra come
giocatore prima e allenatore poi lo hanno reso un fuoriclasse
amato e rispettato da tutte le tifoserie”.

CARATTERISTICHE UNICHE – “Queste caratteristiche – aggiunge
Maroni – e le sue doti comunicative, confermate anche dalle
diverse collaborazioni con i media, fanno di lui uno dei
personaggi ideali per entrare a far parte del ‘Dream Team’ dei
nostri ambasciatori per Expo, affiancando Felice Gimondi, già
nominato Ambasciatore dello Sport di Regione Lombardia in Expo
lo scorso anno”.

ROSSI: AMBASCIATORI SPOR TESTIMONIAL ALIMENTAZIONE CORRETTA –
“La nomina di Pozzecco – commenta l’assessore allo Sport e
Politiche per i giovani Antonio Rossi – conferma che anche lo
sport, con i suoi personaggi e modelli, può e deve avere un
ruolo importante nella promozione dell’Esposizione Universale e,
all’interno della grande vetrina mondiale che sarà Milano nel
semestre che scatterà il 1° maggio, può rappresentare la giusta
strada per promuovere, a fianco dell’alimentazione sana, anche
gli stili di vita e di alimentazione corretti, importanti anche
per prevenire la crescita della spesa sanitaria”. (Ln)

FAVA DOMANI A PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE BIRRA DELLA LOMBARDIA

L’assessore regionale all’Agricoltura
Gianni Fava parteciperà domani, lunedì 10 novembre, alla
presentazione dell’Associazione Birra della Lombardia.
Interverranno Roberto Mura (presidente Riccagioia), Alberto
Frausin (presidente Assobirra), Filippo Ghidoni (presidente
associazione Birra della Lombardia).

– ore 17.30, centro Riccagioia (via Riccagioia 48), Torrazza
Coste/Pv. (Ln)

EXPO EXTRA TOUR, MARONI DOMANI A BORGOSESIA/VC

Il presidente della Regione Lombardia
Roberto Maroni e l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni
Fava saranno presenti domani, sabato 8 novembre, a Borgosesia
(Vercelli), per l’unica tappa piemontese del ‘Lombardia Extra
Tour’, iniziativa pensata per promuovere l’Esposizione
universale del 2015 a Milano fuori dai confini lombardi.

IL PROGRAMMA – Di seguito il programma della giornata:

– dalle 10 alle 13, al Teatro Pro Loco, si terrà il convegno
‘Expo 2015: una grande opportunità per il territorio’, a cui
interverranno: Gianluca Buonanno, sindaco di Borgosesia; Roberto
Maroni, presidente della Regione Lombardia; Sergio Chiamparino,
presidente della Regione Piemonte; Gianni Fava, assessore
all’Agricoltura della Regione Lombardia; Matteo Mauri,
Comunicazione Expo 2015; Paolo Dellarole, presidente
interprovinciale di Federazione Coldiretti Vercelli-Biella;
Paolo Melotti, presidente Atl Valsesia Vercelli; operatori
economici del settore produttivo e turistico;

– nel primo pomeriggio, sempre al Teatro Pro Loco, ci sarà un
momento di confronto tra gli operatori turistici e i tour
operator specializzati per la formazione di pacchetti turistici
finalizzati alla promozione del territorio Valsesiano;

– dalle 15.30 alle 19, sarà possibile visitare gratuitamente il
Museo Archeologico Paleontologico ‘C. Conti’ e saranno
organizzate visite gratuite alla scoperta dei luoghi culturali
della città;

– dalle 16.30 alle 18, alla chiesa di S.Antonio ci sarà il
concerto del Coro Alpini e Varade;

– alle 21, al Teatro Pro Loco, ci sarà un intervento del
giornalista Emilio Fede sul tema ‘Giornalismo e gossip’;

– per tutta la giornata, dalle 10 alle 19, ci sarà l’esposizione
e la vendita delle diverse specialità gastronomiche del
territorio alla fiera mercatale realizzata da Slow Food,
Campagna Amica, Gal, Città di Varallo, Città di Gattinara,
Comune di Alagna Valsesia, Comune di Rima S. Giuseppe, Comune di
Serravalle Sesia, Ente di Gestione dei Sacri Monti Piemontesui,
Società Valesiana Pescatori Sportivi, CAI Sez. di Varallo,
Alpàa, Sport Fluviali e Sport d’Aria, Società Operaia di Mutuo
Soccorso, Caseificio di Piode;

– è prevista un’area attrezzata per i bambini con animazione,
oltre che intrattenimenti musicali per le vie della città, cui
si aggiungerà la sfilata danzante del Gruppo Folkloristico di
Borgosesia; anche il Gruppo Alpini e le Pro Loco saranno
presenti con la promozione e la vendita di eccellenze tipiche
valesiane;

– dalle 10 alle 24, specialità culinarie e promozione delle
tradizioni carnevalesche a cura del Comitato Carnevale di
Borgosesia. (Ln)

VINO,FAVA:CONFERMATA GRANDE REPUTAZIONE FRANCIACORTA

“Oggi, con la ricerca commissionata dal
Consorzio di tutela del Franciacorta ad AstraRicerche, prendiamo
atto di due dati evidenti e cioè che il Franciacorta è un vino
di grande reputazione, mentre la Franciacorta è un territorio
che deve ricostruire la propria reputazione e deve farlo con
azioni mirate, perché le potenzialità dell’area sono molto
elevate”. Così ha commentato l’assessore all’Agricoltura della
Lombardia Gianni Fava, oggi, a margine della presentazione
dell’indagine demoscopica su ‘Gli italiani, Il Franciacorta e la
Franciacorta’, svolta lo scorso settembre dalla società di
Enrico Finzi e da lui illustrata, questa mattina, ad Adro
(Brescia), nella sede dell’azienda vitivinicola Contadi
Castaldi.

EFFETTO TRAINO DEL PRODOTTO – “Dell”effetto traino’
assolutamente positivo del prodotto potrebbe beneficiare tutto
il territorio della Franciacorta – ha auspicato Fava – e vanno
perseguite con ancora maggior forza politiche che spingono
ulteriormente sul vino. Allo stesso tempo vanno condivisi gli
impegni in quest’area, che sta cercando di dotarsi di una
fisionomia unica con un grande progetto di territorio. Regione
Lombardia ha voluto sostenere fin qui le esigenze di un’area
fortemente vocata alla viticoltura e continuerà a riconoscere
gli sforzi di un comparto economico di grande valore e che
produce un’elevata qualità, come abbiamo visto ampiamente
riconosciuta dai consumatori”.

OBIETTIVO, IL ‘TERROIR’ – L’obiettivo, ha ricordato l’assessore
lombardo all’Agricoltura, che sul vino ha adottato una politica
fortemente premiante verso la qualità, “è fare in modo che, col
tempo, arrivino a equivalersi i due valori: la grande
reputazione del vino e del territorio, perché uno non può
prescindere dall’altro. Non possiamo non riflettere sul fatto
che la grande vocazione vinicola della Franciacorta è stata la
leva per ottenere un grande prodotto. Bisogna fare in modo che
anche i 19 Comuni del Consorzio di tutela ne traggano un
beneficio”.

ECCELLENZA NON SECONDA A NESSUNO – Fra i risultati più
interessanti della ricerca, condotta attraverso 1.500 interviste
online a un campione rappresentativo di Italiani 18-70enni,
risulta la forte crescita di notorietà del vino Franciacorta
(pari al 95 per cento degli intervistati), considerato un vino
eccellente, che nulla ha da invidiare ai “cugini” dello
Champagne. (Ln)

EXPO,SALA:IN REGIONE MOSTRA 2.500 CIMELI ESPOSIZIONE MILANO 1906

Saranno ospitati anche in una delle sedi
di Regione Lombardia, oltre che negli spazi del Padiglione
Lombardia a Expo 2015, gli oltre 2.500 pezzi, veri e propri
cimeli, relativi all’Esposizione universale che si tenne a
Milano nel 1906.
E’ l’intesa raggiunta oggi al termine dell’incontro tra il
sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia con delega
all’Expo e all’Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio
Sala e Ampelio Vimercati, ex vigile in pensione, che metterà a
disposizione dei visitatori la sua collezione privata.

COLLEZIONE ESPOSTA IN REGIONE E ALL’EXPO – “Questa collezione –
ha commentato il sottosegretario Sala – è una magnifica
panoramica sulla Milano di inizio secolo scorso e ci restituisce
l’atmosfera dell’Esposizione con le eccellenze dell’epoca.
Regione è molto interessata a questa raccolta ed è pronta ad
ospitarla nel suo spazio all’interno di Expo e, nei mesi
precedenti, anche in una delle nostre sedi istituzionali”.

I PEZZI PIÙ CURIOSI – Tra i pezzi più ‘curiosi’ una scultura in
legno, all’epoca esposta nel Padiglione delle Belle Arti
allestito per l’Esposizione del 1906, che riproduce il portale e
l’altare della Basilica di San Nicola di Bari e un volume
originale edito dalla casa editrice Sonzogno e stampato
all’interno di quell’Expo.

UNA TARGA STORICA – Oltre a questi, immagini di Milano
dell’epoca, cartoline commemorative, manifesti dell’Expo,
biglietti d’ingresso, medaglie e targhe: una di queste è
dedicata a Isaia Badrati, di Torino, che curò l’allestimento del
villaggio eritreo presente all’Esposizione.

MINI ANTEPRIMA – Cinquecento di questi cimeli, raccolti in oltre
quarant’anni da Vimercati, 61enne, vigile in pensione, sono
stati esposti ‘in anteprima’ l’11 e 12 ottobre scorsi a Bussero
(Milano), dove risiede il collezionista, nella storica Villa
Casnati. (Ln)

CULTURA, CAPPELLINI A 70° ANNIVERSARIO DE ‘I POMERIGGI MUSICALI’

Cristina Cappellini, assessore alle
Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, parteciperà
domani, mercoledì 5 novembre, alla tavola rotonda e al concerto
celebrativo per il 70° anniversario de ‘I Pomeriggi musicali’.

– ore 19, Palazzo Pirelli (via F. Filzi, 22 – Milano), Sala
Pirelli. (Ln)

FESTA DEL TORRONE/2,PAROLINI:BRAND CHE TRAINA TUTTO IL TERRITORIO

“Accostare a una festa di grande
tradizione, come quella del torrone, il progetto di far
diventare Cremona una smart city dimostra che, se vogliamo
accettare la sfida della crescita, la strada è quella di
valorizzare il nostro passato, adeguandolo alle nuove forme di
comunicazione”. Lo ha detto l’assessore al Commercio, Turismo e
Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini, intervenendo alla
conferenza stampa di presentazione della 18ª edizione della
‘Festa del Torrone’, questa mattina, a Palazzo Pirelli, a
Milano.

BRAND SIA TRAINO PER TUTTO IL TERRITORIO – “Il torrone di
Cremona è un brand conosciuto in tutto il mondo – ha aggiunto
l’assessore – così come lo sono la liuteria e il Torrazzo, la
più alta torre campanaria in muratura d’Europa; tutti brand
forti che dobbiamo utilizzare, perché siano locomotiva che
traina tutto il territorio”.

DISTRETTI DELL’ATTRATTIVITÀ – “È quello che Regione Lombardia
sta facendo con i Distretti dell’attrattività – ha spiegato
Parolini -, che, attraverso l’integrazione del commercio, del
turismo e di tutte le risorse enogastronomiche, storiche e
culturali dei territori, stanno creando occasioni di sviluppo e
di rilancio”. (Ln)