MANI D’ORO

Homo Faber, i mestieri d’arte tornano a Venezia. Dopo il successo della prima edizione nel 2018, la Michelangelo Foundation porta di nuovo alla Fondazione Cini le eccellenze del saper fare italiano, europeo e anche giapponese, per riscoprire la bellezza del lavoro delle mani. Anche con itinerari in città 17 spazi espositivi  ognuno dedicato a un aspetto dell’artigianato d’eccellenza, dall’oreficeria alla mosaicistica, dai maestri cartai ai liutai, artigiani che sarà possibile ammirare al loro tavolo di lavoro. Ospite speciale della seconda edizione sarà il Giappone, con una serie di mostre dedicate ai suoi “Tesori Nazionali Viventi”, appellativo che il Paese del Sol Levante attribuisce ai suoi migliori maestri artigiani: saranno loro a portare a Homo Faber 2020 oggetti realizzati con tecniche antiche, dalla lacca alla tintura dei tessuti. Anche la moda avrà uno spazio spceiale: il lato più moderno dell’artigianalità sarà svelato in una “capsule collection” di abiti sostenibili per uomo e donna disegnati in Italia e realizzati a mano nel Regno Unito, creati da un gruppo di studenti italiani di design in collaborazione con i migliori talenti artigiani britannici.