VINITALY,FAVA A TAVOLA ROTONDA SU BRERA E VERONELLI

Nell’ambito di Vinitaly 2015, l’assessore
all’Agricoltura della Lombardia Gianni Fava parteciperà alla
Tavola rotonda su ‘Gianni Brera e Luigi Veronelli, due grandi
lombardi e il loro legame col territorio’. L’appuntamento è per
domani, martedì 24 marzo, al Padiglione Lombardia (2° Piano
PalaExpo), nello stand del Consorzio di tutela del Lugana (stand
A 10-11, ore 10.30) e sarà l’occasione per puntare l’attenzione
su ‘La Pacciada. Mangiarebere in pianura padana’, libro scritto
dalle due grandi firme Brera e Veronelli, che è un percorso tra
i vini, i territori, le ricette e la storia della Lombardia.

Quest’anno, in particolare, il Padiglione Lombardia a Vinitaly è
dedicato proprio a Luigi Veronelli. Oltre all’assessore Fava
prenderanno parte al dibattito Giuseppe Ambrosi, presidente
della Camera di commercio di Brescia, Gian Arturo Rota,
responsabile curatore dell’Archivio Veronelli e Paolo Brera,
giornalista e scrittore. Moderatore sarà il giornalista
Adalberto Scemma. (Ln)

VINITALY/4, FAVA: NOSTRO PADIGLIONE CONFERMA SUCCESSO PRODUZIONE

“Il padiglione lombardo sembra confermarsi
anche quest’anno come il più visitato. Quest’anno è dedicato a
un grande lombardo del vino, Luigi Veronelli, maestro per
eccellenza del vino italiano. Uno spazio espositivo inserito in
un evento che già dalle prime ore di questa giornata, per
affluenza di pubblico, testimonia il grande successo della
manifestazione. Se l’anno scorso sono state 85 mila le presenze
registrate a Vinitaly, nel 2015 questi numeri per il padiglione
lombardo potrebbero essere superati”. Lo ha detto l’assessore
regionale all’Agricoltura Gianni Fava, visitando oggi insieme al
presidente Roberto Maroni e al presidente di Coldiretti
Lombardia Ettore Prandini il padiglione della Lombardia a
Vinitaly.

VINO SARA’ PROTAGONISTA A EXPO – “Il vino lombardo piace, è di
grande qualità – ha ricordato Fava – . Noi produciamo l’89,5%
del nostro vino a denominazione d’origine garantita e di
qualità. Meno produzione, dunque, e maggior qualità, e questo ci
permette di guardare ai mercati internazionali con un certo
ottimismo. In mezzo c’è Expo, la vetrina internazionale più
importante in cui la Lombardia si presenterà forte del fatto di
aver organizzato un proprio padiglione del vino, autonomo,
grande e importante nel centro più frequentato, all’ingresso
tra il Cardo e il Decumano. Una posizione che metterà il vino
lombardo al centro del dibattito e della possibilità di avere
accesso a questo prodotto straordinario”. (Ln)

GIORNATE FAI,PAROLINI:OTTIMA PROVA IN OTTICA EXPO

“Un’ottima e importante prova in vista di
Expo”. Così l’assessore regionale al Commercio, Turismo e
Servizi, Mauro Parolini che, questa mattina, in occasione delle
Giornate di primavera del Fai, ha visitato la Sala degli
Addottoramenti di Palazzo Degli Studi a Mantova. “Ringrazio il
Fai – ha proseguito Parolini – per questa bella iniziativa.
Mantova è una delle città d’arte più importanti della Lombardia.
Giornate come quella odierna ci consentono di far scoprire e
conoscere le grandi ricchezze culturali della Lombardia,
elementi di grande attrattività anche sotto il profilo turistico
soprattutto in vista dell’Expo che è ormai alle porte”.

TURISMO ESPERIENZIALE – L’assessore ha quindi ricordato come per
Regione Lombardia sia prioritario offrire ai 20 milioni di
visitatori attesi per Expo un “turismo esperienziale”, dove
cultura, arte, bellezze naturali ed enogastronomia possano
amalgamarsi fra loro “in un pacchetto che possa soddisfare
tutti i gusti e le sensibilità “. (Ln)

GIORNATE FAI,PAROLINI:OTTIMA PROVA IN OTTICA EXPO

“Un’ottima e importante prova in vista di
Expo”. Così l’assessore regionale al Commercio, Turismo e
Servizi, Mauro Parolini che, questa mattina, in occasione delle
Giornate di primavera del Fai, ha visitato la Sala degli
Addottoramenti di Palazzo Degli Studi a Mantova. “Ringrazio il
Fai – ha proseguito Parolini – per questa bella iniziativa.
Mantova è una delle città d’arte più importanti della Lombardia.
Giornate come quella odierna ci consentono di far scoprire e
conoscere le grandi ricchezze culturali della Lombardia,
elementi di grande attrattività anche sotto il profilo turistico
soprattutto in vista dell’Expo che è ormai alle porte”.

TURISMO ESPERIENZIALE – L’assessore ha quindi ricordato come per
Regione Lombardia sia prioritario offrire ai 20 milioni di
visitatori attesi per Expo un “turismo esperienziale”, dove
cultura, arte, bellezze naturali ed enogastronomia possano
amalgamarsi fra loro “in un pacchetto che possa soddisfare
tutti i gusti e le sensibilità “. (Ln)

VINITALY/3, MARONI: EXPO VETRINA STRAORDINARIA PER I NOSTRI VINI

“Oggi la Lombardia qui al Vinitaly ha il
padiglione più grande e come l’anno scorso sarà il più visitato.
I nostri consorzi del vino e la produzione di qualità della
Lombardia non hanno nulla da temere altre Regioni italiane o da
altri Paesi europei. Oggi parte una sfida, che è grande
opportunità, la sfida di Expo, dove avremo l’occasione di farci
vedere, farci conoscere e farci gustare da tutto il mondo. Per
questo il padiglione Lombardia, che sarà proprio al centro del
sito Expo, dove passeranno tutti i milioni di visitatori, sarà
una vetrina straordinaria per i nostri prodotti e per i nostri
vini”.

Lo ha spiegato il presidente della Roberto Maroni, alla Fiera di
Verona nel corso della sua visita agli stand dei vini lombardi
nel padiglione Lombardia di Vinitaly. (Ln)

VINITALY/2, MARONI: NOSTRO VINO ECCELLENZA DA SOSTENERE

“Anche quest’anno lo stand della Lombardia
qui al Vinitaly sarà il più visitato, come lo è stato l’anno
scorso, perché il vino in Lombardia è un’eccellenza che
ovviamente noi come Regione vogliamo sostenere. Partiamo oggi ed
andiamo verso Expo, dove avremo il padiglione Lombardia dentro
il quale ospiteremo un’esposizione è una degustazione permanente
dei vini lombardi. È un percorso di valorizzazione dei nostri
vini che parte oggi è si concluderà il 31 ottobre”.
Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto
Maroni, al suo arrivo alla Fiera di Verona per l’inaugurazione
di Vinitaly. (Ln)

‘VINITALY’, MARONI E FAVA OGGI A INAUGURAZIONE

Il presidente di Regione Lombardia Roberto
Maroni e l’assessore regionale con delega all’Agricoltura Gianni
Fava parteciperanno oggi, domenica 22 marzo, alla cerimonia
d’apertura di ‘Vinitaly’.

Alle ore 13 il presidente Maroni e l’assessore Fava saranno al
Padiglione Lombardia nell’area Consorzio Oltrepo pavese per un
saluto.

– ore 10.30, Veronafiere (viale del Lavoro, 8 – Verona),
Auditorium Verdi. (Ln)

BRIANZA,CAPPELLINI: POLO CULTURALE STRATEGICO

“Il museo civico Carlo Verri di Biassono
rappresenta un esempio importante di innovazione culturale sul
territorio lombardo, oltre che sul territorio della Brianza”.
Così l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione
Lombardia Cristina Cappellini, alla presentazione del Virtual
Tour, un progetto multimediale che permette di scoprire il museo
civico attraverso PC, tablet e smartphone. Il progetto è stato
realizzato dal Comune di Biassono anche grazie al sostegno
economico di Regione Lombardia.

REGIONE IN PRIMA LINEA SOTTO PROFILO INNOVAZIONE – “Regione
Lombardia è in prima linea – ha continuato l’assessore – sotto
il profilo dell’innovazione e anche nel settore della cultura lo
ha dimostrato con diverse iniziative, come ad esempio il
sostegno offerto in questi anni all’ammodernamento e alla
digitalizzazione delle sale dello spettacolo, allo sviluppo
degli allestimenti museali, per lo più di carattere
multimediale, attraverso un bando ad hoc messo a disposizione lo
scorso anno, in vista di Expo 2015, che ha visto uno
stanziamento di circa 4 milioni e mezzo di euro da parte del mio
assessorato. E tra pochi giorni lanceremo ufficialmente la Carta
Musei, che sperimenteremo in vista del semestre di Expo, per
aumentare la fruizione del nostro patrimonio museale e dei
luoghi della cultura in generale. Vogliamo favorire un rapporto
sempre più stretto tra cultura e innovazione, tra cultura e
sviluppo, anche valorizzando l’ampio e variegato settore delle
imprese culturali e creative”.

BRIANZA STRAORDINARIO TERRITORIO DI TESORI CULTURALI –
“L’esempio di oggi – ha concluso l’assessore Cappellini –
conferma l’attenzione di Regione Lombardia per la cultura dei
suoi territori e la consapevolezza che oggi la Brianza, a
partire da Monza e dai suoi straordinari tesori culturali,
rappresenta un polo culturale strategico, sfatando l’idea che la
Brianza sia solo cemento e capannoni come ancora qualcuno pensa
e afferma”. (Ln)

EXPO CHAMPIONS TOUR A SANT’ANGELO/LO,ROSSI: IMPORTANTE CONFRONTO SU SPORT E SALUTE

“In occasione della nona
tappa di ‘Expo Champions Tour’ a Sant’Angelo Lodigiano abbiamo
avuto la possibilità di fare e parlare di sport, con un
importante confronto con il territorio”. L’ha detto
Antonio Rossi, assessore allo Sport e Politiche per i giovani di
Regione Lombardia, in occasione della nona tappa, oggi, a
Sant’Angelo Lodigiano (Lodi), dell”Expo Champions Tour’, alla
presenza, tra gli altri, del sindaco Domenico Crespi e dei
consiglieri regionali Antonello Formenti, Pietro Foroni e Marco
Tizzoni.

REALTÀ LOCALI AFFIATATE – “Ho trovato realtà locali affiatate –
ha commentato l’assessore Rossi -, che credono nell’attività
fisica come un corretto stile di vita”.
Tema sul quale un confronto si è imbastito anche con i
responsabili del Parco Tecnologico Padano, che si occupa di
nutraceutica.

EXPO VETRINA PER LA LOMBARDIA SPORTIVA – “Expo sarà – ha
ricordato l’assessore – una vetrina anche per la Lombardia
sportiva per la quale, come Regione, siamo impegnati anche per
la promozione dello sport nella scuola così da combattere
patologie e disturbi legati alla sedentarietà e l’abbandono
dell’attività motoria di cui le statistiche raccontano,
purtroppo con sempre maggiore frequenza, relativamente ai
ragazzi tra i 15 e i 18 anni”.

PROMOZIONE DI FILIERA CORTA E SPORT – “Grazie a ‘Expo Champions
Tour’ – ha detto l’assessore Rossi – abbiamo l’occasione di far
conoscere, anche attraverso l’attività ludica e motoria i temi
dell’Expo che sono legati alla sana alimentazione e alla filiera
corta”. “Regione – ha proseguito l’assessore – vuole che Expo
non duri solo sei mesi e, per questo, ci stiamo impegnando
incontrandoli nei territori”. “A loro – ha rimarcato l’assessore
proponiamo sport e corretti stili di vita, a partire proprio dal
nutrire che è il tema Expo”.

LE GIÀ FINALISTE – Nelle tappe precedenti si sono classificate
per la finale di Milano le squadre Rigamonti di Sondrio, Lini
Import di Coccaglio (Brescia), Laveno Calcio a 5 di Laveno
Mombello (Varese), Asd Cremia di Como, Cortal di Quistello
(Mantova), Asd Futsal Seregno (Monza e Brianza), Caccia
Sottofondi di Cazzano Sant’Andrea (Bergamo) e Gym Bar di Palazzo
Pignano (Cremona).

NON SOLO CALCIO – La tappa di Sant’Angelo Lodigiano, in corso in
piazza Duca degli Abruzzi, vanta un ricco palinsesto di attività
sportive e momenti informativi per i ragazzi e per le famiglie.
Durante la giornata sono stati allestiti stand di Aido, Avis,
Protezione civile, Pro Loco, si sono svolte le esibizioni
dell’Associazione Olimpia (ginnastica a corpo libero e danza) e
della società Kick Boxing e Karate Mabuni. Un momento di
riflessione, dedicato ai temi di Expo e all’importanza di una
corretta alimentazione e di stili di vita sani, che ha visto
protagonisti Matteo Mauri della Direzione istituzionale Expo,
Elena Armondi, medico dietista dell’Asl di Lodi, i
rappresentanti delle Istituzioni e delle società sportive
locali, accanto allo stesso assessore Rossi.

TUTTI IN CAMPO PER EXPO – “L”Expo Champions Tour’ – ha spiegato
l’assessore – è, da un lato, un evento sportivo, ma anche un
contributo che Regione Lombardia e i consiglieri regionali
lombardi danno, mettendo da parte le divisioni politiche e anche
quelle calcistiche, per essere tutti insieme, letteralmente, in
campo, a promuovere la grande occasione di sviluppo e di
crescita che è Expo 2015″.

LO SPORT E I RAGAZZI – “Lo sport – ha detto l’assessore Rossi –
è uno straordinario veicolo per far conoscere alla gente, in
particolare alle generazioni più giovani che lo praticano, i
temi e i contenuti dell’Expo che sarà un’occasione unica per
mettere in vetrina tutta la Lombardia con i suoi tesori
artistici, culturali, paesaggistici, economici e anche
sportivi”. “I tesori dei territori lombardi, e della terra
lodigiana nello specifico, – ha concluso l’assessore Rossi –
certamente conquisteranno i 20 milioni di visitatori attesi,
grazie anche all’impegno promozionale messo in campo e portato
avanti, attraverso l”Expo Champions Tour'”. (Ln)

VINO,FAVA:PER EXPO OLTREPO SI STA ORGANIZZANDO PER MOSTRARSI AL MONDO

“Il vino diventa elemento di
traino della programmazione locale in vista di Expo. E’ il vino
che promuove un territorio e non il contrario. La buona
reputazione dei vini oltrepadani ha bisogno di essere migliorata
in questa fase con un buon programma di comunicazione che dica
la verità: vale a dire, quanto di buono si fa in questa zona e
come debba essere valorizzato. A ciò seguirà inevitabilmente una
sempre migliore reputazione di un territorio che dal punto di
vista ambientale e turistico ha molto da raccontare”. Lo ha
spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava,
incontrando oggi i consorzi di tutela dell’Oltrepo, le
cooperative e gli enti territoriali.
Erano presenti, tra gli altri, Emanuele Bottiroli, direttore
Consorzio Tutela Vini Oltrepo Pavese, Daniele Bosone, presidente
della Provincia di Pavia, insieme all’assessore al Turismo
Emanuela Marchiafava, Roberto Lechiancole, presidente Strade dei
Vini e dei Sapori, e i sindaci di Broni, Casteggio, Stradella,
Voghera e rappresentanti del Gal Alto Oltrepo

CIBO E VINO PROTAGONISTI – “La provincia pavese ha scelto di
mettere il cibo, il vino in particolare, al centro della
programmazione stessa – ha rilevato Fava – . Un prodotto simbolo
del territorio, il vino, attorno al quale costruire un’offerta
che renda questo territorio appetibile e ospitale per quei
milioni di turisti attesi a Expo 2015. L’organizzazione è già a
buon punto: nelle prossime settimane perfezioneremo un vero e
proprio palinsesto di eventi che coinvolgeranno l’Oltrepo e che
ruoteranno principalmente attorno al vino ma, in subordine,
riguarderanno tutte le altre grandi produzioni, dal riso al
salame di Varzi e agli altri prodotti che rendono grande questo
territorio ancora non molto conosciuto ma dalle grandi
potenzialità”.

UNITA’ DI INTENTI – “La giornata di oggi segna un passo decisivo
verso una ricomposizione di un quadro locale molto frastagliato
– ha spiegato Fava – . A volte le divisioni hanno creato limiti
allo sviluppo dell’area, mentre oggi sembra stia maturando la
convinzione che, al contrario, l’unità del territorio è un
valore e insieme si può programmare una prospettiva migliore per
lo sviluppo sfruttando il grande volano di Expo”. “Oggi abbiamo
fatto Il punto dei progetti territoriali – ha puntualizzato
l’assessore lombardo – a un tavolo a cui erano presenti tutti
gli attori e con cui si è deciso di andare spediti verso una
programmazione che duri tutti i sei mesi di Expo”. (Ln)